Investimenti sostenibili ESG: Banca Generali, Bicocca e Aifi insieme per la finanza sostenibile

Gli investimenti sostenibili ESG rappresentano un’occasione per le imprese italiane. Con il nuovo osservatorio Università Bicocca, Banca Generali e Aifi intendono sviluppare la ricerca universitaria in tema di green finance.

Investimenti sostenibili ESG: i dettagli dell’iniziativa promossa da Bicocca, Banca Generali e Aifi

Il suo nome è “O-Fire – Finanza d’impatto e sue ricadute economiche” e nasce con l’obiettivo di diventare uno dei punti di riferimento della finanza green e degli investimenti sostenibili ESG in Italia. Si tratta del nuovo osservatorio nato dall’accordo firmato lo scorso maggio tra l’Università Bicocca di Milano, Banca Generali e Aifi (Associazione Italiana del Private Equity, Venture Capital e Private Debt). La partnership avrà una durata triennale con possibilità di rinnovo e porterà, secondo le parole della rettrice dell’ateneo Giovanna Iannantuoni, alla “creazione di una struttura scientifica che si affermi come fonte informativa riconosciuta e di primaria rilevanza nell’ambito della finanza sostenibile”. Nello specifico, l’Osservatorio O-Fire si concentrerà sullo sviluppo e sul potenziamento della ricerca universitaria, sia teorica che applicata. I temi trattati, oltre agli investimenti sostenibili ESG, le forme di risparmio gestito e gli strumenti illiquidi.

Investimenti sostenibili ESG: l’Osservatorio realizzerà report già nel prossimo autunno

Tra le attività promosse da Bicocca, Banca Generali e Aifi anche il delineamento dei principali trend del mercato europeo in tema ESG e l’analisi dell’impatto degli strumenti di private equity e private debt. Infine, il Centro si occuperà anche di verificare l’apporto degli investimenti sostenibili ESG al raggiungimento degli obiettivi europei e internazionali su clima e ambiente. Il primo report sarà disponibile già questo autunno, ha dichiarato la rettrice Giovanna Iannantuoni durante la presentazione di O-Fire. Tra gli obiettivi principali anche la creazione di un indice di settore e analisi (Esg Index) da condividere con la comunità finanziaria internazionale. Prevista infine anche l’organizzazione di seminari e workshop sui temi principali della finanza green. “Siamo in grado di affrontare il tema della sostenibilità a tutto tondo – ha ribadito la rettrice della Bicocca – impegnando i nostri scienziati a studiare nuove batterie e le energie rinnovabili, gli studiosi di chimica verde a progettare soluzioni per l’economia circolare e i sociologi per programmare l’impiego dei mezzi pubblici in modo sostenibile”. Per Andrea Ragaini, Vice Direttore di Banca Generali, O-Fire testimonia l’impegno dell’Istituto nell’ambito degli investimenti sostenibili ESG: “Siamo felici di affiancarci all’Università di Milano-Bicocca e ad Aifi per dar vita a questo Osservatorio che ha l’obiettivo di accendere un riflettore permanente su uno dei macrotrend più importanti del mondo del risparmio”.