Credito alle famiglie: forte crescita delle richieste a maggio e ritorno ai livelli Pre Covid

BAROMETRO CRIF

CREDITO ALLE FAMIGLIE: FORTE CRESCITA DELLE RICHIESTE A MAGGIO E RITORNO AI LIVELLI PRE COVID

 

 

  • Le richieste di mutui e surroghe crescono del +39,3% rispetto a maggio 2020; prestiti finalizzati e personali salgono del +34,2%
  • Continua l’impatto positivo degli under 35 (+29,1%)

 

 

Bologna, 04 giugno 2021 – Il mese di maggio 2021 ha confermato il trend di recupero delle richieste di credito da parte delle famiglie italiane rispetto ai volumi pre Covid, già in atto da qualche mese. Nello specifico, la componente dei mutui immobiliari fa segnare un +39,3% mentre i prestiti, nel complesso di personali più finalizzati, vedono una crescita del +34,2% rispetto al corrispondente mese del 2020.

CONTINUANO A CRESCERE LE RICHIESTE DI MUTUI E SURROGHE

“Il comparto dei mutui beneficia ancora della dinamica positiva avviata negli ultimi mesi, stimolata dalle prospettive di ripresa dell’economia nazionale e da tassi di interesse ancora prossimi ai minimi storici. Considerando il singolo mese di maggio, i volumi di richieste non risultano superiori solamente a quelli del 2020, quando il Paese stava uscendo dal lockdown totale varato per contenere la diffusione della pandemia, ma sono maggiori anche rispetto agli anni precedenti, a conferma della ritrovata fiducia degli Italiani verso il progressivo ritorno a una situazione di normalità – commenta Simone Capecchi, Executive Director di CRIF -. La performance complessiva è positivamente impattata dalla vivacità del segmento di popolazione under 35, stimolato dagli incentivi recentemente varati dal Governo per stimolare l’acquisto di un’abitazione, che arriva a spiegare il 29,1% delle richieste totali contro il 26,1% un anno fa”.

In questa fase di incertezza va però segnalato come gli italiani continuino a privilegiare piani di rimborso più lunghi, con il 79,2% delle richieste che prevede una durata superiore ai 15 anni, e un valore della rata non eccessivamente impattante rispetto al reddito disponibile, con i mutui al di sotto dei 150.000 Euro che rappresentano il 70,7% del totale. Più nel dettaglio, l’importo medio richiesto nel mese di maggio si è attestato a 139.109 Euro.

Andamento dell’importo medio dei Mutui Ipotecari richiesti

 Fonte: EURISC – Il Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF

 

SI RISOLLEVANO I PRESTITI PERSONALI E FINALIZZATI

“L’andamento del piano vaccinale e le migliorate prospettive del mercato del lavoro stanno avendo importanti ricadute sulla pianificazione dei consumi, in particolare nella componente dei beni durevoli – aggiunge Capecchi -. Ottimistici segnali di ripartenza arrivano anche dalla crescente propensione delle famiglie a far fronte ai propri impegni di spesa con il sostegno di un finanziamento, tanto che nel mese di maggio le richieste di prestiti sono complessivamente cresciute del +34,2%, riallineandosi agli abituali volumi pre Covid. Ma i consumatori si attendono modelli di servizio e processi di erogazione sempre più efficienti: per gli operatori del credito sarà quindi fondamentale cogliere tutte le opportunità derivanti dal crescente utilizzo dei canali digitali e dalle modalità di cooperazione date dall’open banking”.

 

Nello specifico, le richieste di finanziamenti finalizzati all’acquisto di beni e servizi quali auto, moto, articoli di elettronica e di arredamento, ecc. hanno fatto registrare un incremento del +31,3% rispetto al corrispondente periodo del 2020. Andamento sostanzialmente speculare per i prestiti personali, che fanno segnare un balzo del +38,7%.

Un’ulteriore evidenza del ritrovato clima di fiducia riguarda l’importo medio dei finanziamenti richiesti, che nell’aggregato di prestiti personali e finalizzati si è attestato in maggio a 9.472 euro, in crescita (+9,8%) rispetto al valore di maggio 2020.

Nello specifico dei prestiti finalizzati, l’importo medio richiesto si è attestato a 7.209 euro (+14,7% rispetto alla corrispondente rilevazione del 2020), mentre per i prestiti personali è risultato pari a 12.851 euro (+4,3%).

Andamento dell’importo medio dei prestiti richiesti dalle famiglie

Fonte: EURISC – Il Sistema CRIF di Informazioni Creditizie

***

CRIF è un’azienda globale specializzata in sistemi di informazioni creditizie e di business information, analytics, servizi di outsourcing e processing nonché avanzate soluzioni in ambito digitale per lo sviluppo del business e l’open banking. La mission di CRIF è creare valore e nuove opportunità per i consumatori e le imprese, fornendo informazioni e soluzioni che consentono decisioni più consapevoli e accelerano l’innovazione digitale. Lavoriamo responsabilmente per offrire soluzioni innovative a supporto dei nostri clienti per migliorare l’accesso al credito in conformità con la normativa vigente, consentendo alle persone finora escluse e meno servite di accedere ai servizi finanziari e l’inclusione digitale.

Attualmente CRIF è il primo gruppo nell’Europa continentale nel settore delle credit information bancarie e uno dei principali operatori del mercato globale dei servizi integrati di business & commercial information e di credit & marketing management. Grazie all’innovazione continua, all’utilizzo delle tecnologie più avanzate e a una solida cultura di Information Management, supportiamo istituti finanziari, confidi, assicurazioni, telco e media, utilities e società energetiche, imprese e consumatori in oltre 50 paesi. Inoltre, nell’ambito delle soluzioni end-to-end, CRIF ha realizzato una linea di servizi per privati cittadini e PMI dedicata al benessere finanziario e alla prevenzione e protezione da frodi e rischi cyber mentre CRIF Ratings, agenzia di rating del credito autorizzata da ESMA e riconosciuta come ECAI, fornisce valutazioni su imprese non finanziarie residenti in UE.

Oggi, oltre 10.500 banche e società finanziarie, più di 1.000 assicurazioni, 80.000 imprese e 1.000.000 di consumatori utilizzano i servizi CRIF in 4 continenti. Inoltre, CRIF è inclusa nella prestigiosa IDC FinTech Rankings Top 100, la classifica dei principali fornitori di soluzioni tecnologiche globali per il settore dei servizi finanziari, e nel 2019 ha completato la sua copertura come AISP in 31 paesi europei dove è applicabile la direttiva PSD2 per l’open banking.

Per maggiori informazioni: www.crif.it