L’agricoltura di precisione, i dettagli sul suo utilizzi

Nel mondo delle innovazioni tecnologiche anche l’agricoltura sta subendo una vera e propria rivoluzione. Ad oggi, infatti si parla sempre più spesso di agricoltura di precisione. Bisogna capire quali sono i suoi benefici e quali sono gli obiettivi che intende perseguire. In pratica, si tratta di un campo completamente nuovo che però sta prendendo sempre più piede in tutto il mondo in particolare nel Belpaese.

 

Molto spesso, si applica soprattutto per cercare di salvaguardare il territorio e per mettere in campo delle pratiche di agricoltura sostenibile in modo tale da massimizzare la resa dei suoli, andando a diminuire al massimo l’impatto ambientale.

L’agricoltura di precisione, cos’è

Quando si parla di agricoltura di precisione ci si riferisce ad un sistema di gestione integrato con misure, osservazioni, azioni in modo tale da mettere in campo un sistema produttivo in grado di salvaguardare l’ambiente. Gli obiettivi dell’ agricoltura di precisione sono quello di ottimizzare l’efficienza della produzione agricola, aumentando la redditività e garantendo la qualità nei prodotti. Inoltre, lo scopo che è quello di andare aumentare la sostenibilità climatica, ambientale ed inoltre anche di riuscire a garantire un rispetto per l’ecosistem.

 

Per scegliere le tecniche da utilizzare, ci si riferisce alle nuove tecnologie. Infatti, le procedure ITC, grazie allo sviluppo di software e algoritmi specifici, danno una mano nelle pratiche agricole in modo tale da mettere in campo una nuova produzione, sia nei sistemi colturali erbacei, che in quelli arborei.

L’agricoltura di precisione, come si pratica

La pratica dell’Agricoltura di precisione, tende a mettere in campo una serie di attività con cui vengono raccolti i dati elaborati, analizzati e combinati tra di loro in modo tale da decidere di andare a dirigere le decisioni future in termini di variabilità temporale e spaziale. L’obiettivo è quello di migliorare l’efficienza nell’uso delle risorse.

 

Si punta ad un’agricoltura di qualità e anche sostenibile per l’ambiente. Per mettere in campo l’agricoltura di precisione, bisogna installare dei dispositivi GPS collegati ad esempio agli attrezzi del mestiere agricolo. In tempo reale, si identifica la posizione e si va ad agire direttamente sul territorio per capire se si sta eseguendo in maniera corretta l’operazione agricola oppure no.

 

Un altro elemento principale, è il fatto che vi è una sorta di sintesi attraverso un computer touch con una schematizzazione relativamente al terreno che si sta trattando. In questo modo l’operatore potrà avere tutti i dati sotto controllo. Una delle caratteristiche dell’agricoltura di precisione sta anche nella possibilità di fare dei prelievi di campioni.  I prelievi di campioni vi faranno capire tutte quelle che sono le caratteristiche fisiche e chimiche del suolo e quindi quali sono le esigenze colturali da seguire.

 

È importante che i campioni vengano prelevati in delle fasi ben precise dell’anno. Alcuni software li analizzeranno. Un’altra cosa fondamentale nell’ambito dell’Agricoltura di precisione è andare a rilevare i diversi parametri delle produzioni che si stanno mettendo in campo. Questo aiuterà ad effettuare le scelte relativamente alle colture da fare negli anni seguenti.

Altre tecniche dell’agricoltura di precisione

Tra le altre tecniche dell’agricoltura di precisione, vi sono anche quella dell’utilizzo dei droni. I droni sono ideali perché permettono di ricavare tanti dati in modo tale da gestire il terreno e le piante in maniera corretta e andare a salvaguardare la salute e la resa del territorio.  L’obiettivo è sempre quello di salvaguardare il territorio e soprattutto, di mettere in campo un’azione che possa essere in grado di disciplinare la produzione agricola e di salvaguardare l’ambiente anche per le future generazioni.