La Polinesia chiude le porte al turismo

Secondo quanto riportato da Il Vacanziere, la Polinesia francese è stata una destinazione popolare per i viaggiatori in cerca di una fuga dalla pandemia. Ma, purtroppo, anche qui i dati del contagio da Covid 19 si fanno sentire, esattamente comein tutto il mondo, per cui la magica location, che comprende le ricercate isole di Tahiti, Bora Bora e Moorea, ha temporaneamente chiuso al turismo.

La notizia è stata confermata da un rappresentante di Tahiti Tourisme North America che ha affermato: “Di fronte alla recrudescenza dei casi di COVID-19 in tutto il mondo e al fine di preservare la Polinesia francese che, da parte sua, ha mostrato un miglioramento significativo per diverse settimane consecutive, le autorità hanno deciso di sospendere temporaneamente i viaggi verso Le Isole di Tahiti, compresi i turisti di tutte le oprovenienze fino a nuovo avviso”.

Un bollettino originariamente pubblicato dal sito francese France “Info” affermava che, a partire dal 3 febbraio, i viaggiatori verso o dalla Polinesia francese avrebbero “dovuto giustificare che la sua situazione rientri in uno dei tre motivi imperativi: personale/familiare, sanitario [o] professionale”. I motivi familiari includono situazioni come la morte di un parente, i motivi di salute includono una “emergenza medica vitale” mentre i motivi professionali includono gli operatori sanitari che combattono la pandemia COVID-19. Tutte le ragioni accettabili richiedono una prova documentata.

Se hai un viaggio in programma, probabilmente ti starai chiedendo cosa significa questo per te. Abbiamo contattato Air Tahiti Nui e United Airlines per chiarimenti su ciò che i viaggiatori con viaggi prenotati nelle prossime settimane dovrebbero sapere sulle loro prenotazioni.

La Polinesia francese ha ufficialmente riaperto al turismo il 15 luglio 2020. La nazione insulare ha implementato un periodo di quarantena di 14 giorni per i viaggiatori internazionali a marzo, una misura che sembra aver avuto successo. Secondo la Johns Hopkins University, la Polinesia francese ha registrato oltre 18.000 casi del nuovo coronavirus e 131 morti.

I viaggiatori nella Polinesia francese hanno avuto requisiti di ingresso rigorosi, tra cui la prova di un test RT-PCR negativo preso entro tre giorni prima della partenza e la compilazione di un modulo di registrazione sanitaria. Una volta giunti nella Polinesia francese, i viaggiatori devono completare un auto-test quattro giorni dopo l’arrivo. Attualmente c’è un coprifuoco tra le 21 e le 4 del mattino sulle isole di Tahiti e Moorea. Il coprifuoco è previsto fino al 15 febbraio 2021.