La Serbia è il primo paese in Europa ad utilizzare il vaccino cinese

Centinaia di membri dell’esercito serbo si sono allineati nelle loro uniformi mimetiche in una sala espositiva a Belgrado, dove le infermiere hanno iniettato loro un vaccino di fabbricazione cinese contro il COVID-19.

La settimana scorsa la Serbia ha ricevuto un milione di dosi del vaccino COVID-19 della cinese Sinopharm, diventando il primo paese europeo ad iniziare un programma di inoculazione di massa con esso.

La Serbia sta vaccinando lavoratori essenziali come agenti di polizia, insegnanti e soldati, dopo che il mese scorso ha iniziato a trattare gli anziani nelle case di cura e gli operatori sanitari con le sue forniture di vaccini sviluppati da Pfizer e BioNTech, e il vaccino russo Sputnik V.

Belgrado mantiene stretti legami con Pechino e le aziende cinesi hanno investito miliardi di euro in Serbia, soprattutto in infrastrutture e progetti energetici.

Il ministro della difesa Nebojsa Stefanovic ha detto che più di 700 membri dell’esercito, compreso lui stesso, sono stati vaccinati con il vaccino cinese: “Sono stato vaccinato con il vaccino cinese di cui ci fidiamo completamente … Ho detto che prenderò lo stesso vaccino delle nostre truppe”, ha dichiarato Stefanovic ai giornalisti.

Più di 20.000 serbi sono stati vaccinati finora da quando l’inoculazione di massa è iniziata a fine dicembre. Durante il fine settimana, il presidente Aleksandar Vucic ha affermato che la Serbia si aspetta di ricevere altre 250.000 dosi del vaccino Sputnik e 20.000 dosi di vaccini Pfizer nei prossimi giorni.

Nella regione dei Balcani occidentali, l’inoculazione è iniziata solo in Serbia e Albania, mentre Bosnia, Kosovo, Montenegro e Macedonia del Nord non hanno ancora ricevuto forniture di alcun vaccino.

La Cina ha approvato il vaccino sviluppato dalla BIBP di Sinopharm alla fine di dicembre, il suo primo vaccino COVID-19 per uso pubblico generale. Non sono stati rilasciati dati dettagliati sull’efficacia, ma la BIBP ha detto che il vaccino è efficace al 79,34% sulla base di dati provvisori.

In Serbia, che ha una popolazione di circa 7 milioni, 3.771 persone sono morte a causa del COVID-19 e 347.111 si sono ammalate.

Fonte: La Zanzara: Notizie, Curiosità, Pareri e Informazioni dal mondo