Formazione dipendenti: il nuovo video di Alessandro Benetton

Nell’ultimo appuntamento della sua rubrica Youtube, Alessandro Benetton pone l’accento sull’importanza per le aziende di creare valore attraverso la formazione.

Alessandro Benetton

Alessandro Benetton: formazione attività essenziale

Verso la fine di agosto, Google ha annunciato un nuovo progetto denominato “Google Career Certificates”. I media italiani hanno subito veicolato la notizia parlando della nuova “università” californiana. “In realtà non è proprio così – ha spiegato Alessandro Benetton nel suo ultimo contributo video “Trasforma la tua azienda in una scuola” – in pratica si tratta di corsi intensivi di sei mesi con cui Google vuol formare delle persone per dei lavori in ambito digitale”. Secondo il fondatore di 21 Invest, sebbene sia nato un dibattito nel campo dell’istruzione, questa mossa di Google avrà un notevole impatto soprattutto dal punto di vista imprenditoriale: “Questa notizia è importante perché evidenzia in modo chiaro un elemento che oggi è fondamentale per tutti gli imprenditori: ogni azienda deve sviluppare al proprio interno il suo sistema di formazione. E non parlo di lezione di un paio d’ore fatte durante i ritagli di tempo – ha affermato Alessandro Benettonma di veri e propri corsi di formazione pensati e strutturati come un’attività essenziale per l’azienda”.

Alessandro Benetton: il caso di Forno d’Asolo

Il modello aziendale adottato da Google non è certo una novità: sono molte le realtà che negli ultimi tempi hanno deciso di investire nella formazione dei propri dipendenti. Ma Alessandro Benetton va oltre: “Le imprese devono attivarsi concretamente nell’ambito della formazione non solo dei dipendenti, ma anche dei clienti e dei fornitori e di tutti i soggetti che contribuiscono a creare valore per i sistemi industriali”. Un’azienda che diventa anche centro di formazione crea un valore aggiunto per tutto l’ecosistema e quindi anche per se stessa, sostiene l’imprenditore. Nel video viene portato l’esempio delle scelte fatte da 21 Invest in merito all’acquisizione di Forno d’Asolo, attiva nel settore dei prodotti da forno: “Nel 2014, quando abbiamo affiancato il management, uno dei progetti che abbiamo subito deciso di fare è stata la Forno d’Asolo Academy, dei corsi di aggiornamento per i clienti, che in questo caso sono bar e caffetterie, su come gestire il prodotto durante tutte le sue fasi e formare i dipendenti. Si è poi aggiunto un master in professione barista”. Perché questa particolare scelta? “Mantenere sempre aggiornati i propri clienti significa avere attività più longeve, mentre formare nuovi professionisti serve a dare a più persone la possibilità di incominciare una propria azienda. Henry Ford diceva che la competitività di un Paese non incomincia nelle fabbriche o nei centri di ricerca ma nelle scuole: credo che oggi sia un compito degli imprenditori”.