L’illuminazione dall’antichità ai giorni nostri

L’uomo ha sempre avuto la necessità di illuminare i vari ambienti degli edifici. Inizialmente, nell’antichità le luci provenivano esclusivamente dalle candele anche se, nelle case più nobiliari o negli appartamenti più ricchi non mancava l’occasione di avere dei lampadari di grande pregio. Le funzioni che l’illuminazione ha avuto fin dall’antichità sono molteplici e, in base all’utilità, veniva usata in maniera differente; sono un esempio i palazzi del potere illuminati in diverso modo, le chiese con una luce soffusa e i quartieri più malfamati che invece, erano caratterizzati da case con un illuminazione più buia.
Anche nei giorni odierni il colore della luce con cui illumini l’ambiente assume un ruolo molto importante e differenti significati. Quando le candele furono sostituite dalla lampadina, il lampadario a soffitto , visto che, in alcuni casi, era di vetro soffiato, rappresentò un grande elemento di pregio. Questi lampadari, essendo molto costosi, erano presenti solo nelle case degli aristocratici e della grande nobiltà perchè erano gli unici tra i ceti sociali in grado di permetterseli. Dall’antichità ad oggi c’è stato un grosso cambiamento di stili e i designer hanno incominciato ad occuparsi di illuminazione di interni e a creare lampadari alternativi.

 

 

 UNA CORRETTA ILLUMINAZIONE PER UN CONFORT ASSICURATO

 

L’illuminazione della casa è un elemento fondamentale che non deve essere sbagliato. Tra le funzioni proprie della luce non può mancare quella estetica che aiuta nella creazione della giusta atmosfera. Una giusta illuminazione può modificare l’atmosfera di una casa, aiuta a rendere un ambiente più accogliente ma non solo, può anche aiutare a creare uno spazio che respinge. Tuttavia, è bene sapere che l’illuminazione non può essere uguale per tutti gli ambienti della casa: per il corridoio e l’ingresso, essendo degli spazi in cui si passa meno tempo, basterà una luce diffusa, eccetto il caso in cui l’ingresso affacci su altri ambienti, in quel caso ci sarà bisogno di una luce più viva, per la cucina è meglio evitare zone d’ombra, per il soggiorno bisogna dare maggiore valore alla luce naturale, per il bagno basteranno delle applique o delle plafoniere mentre per la camera da letto meglio un illuminazione che giunga dal soffitto.

 

LAMPADARI A SOFFITTO: QUALE SCEGLIERE

Il lampadario svolge una funzione importante: quella di illuminare la stanza per creare la giusta luce da arredare con i giusti mobili. Oggigiorno esiste un’infinita varietà e sono presenti diverse forme di lampadari a soffitto a prezzi accessibili. Sono un esempio le plafoniere, i faretti, i lampadari a sospensione, a vetro, con paralume e a soffitto. Per quanto concerce i lampadari a soffitto, possiamo considerarli un grande classico da trovare in molte case. Gran parte delle volte questa tipologia di lampadario viene scelta appositamente per arredare soggiorno, sala da pranzo e camera da letto. Diversamente dalla zona notte, la zona giorno è quella in cui si passa gran parte della giornata e per questo motivo, il consiglio che viene dato è quello di posizionare il lampadario al centro della sala o sopra il tavolo e di affiancare l’illuminazione con faretti, applique, piante, e LED.