Come si Scrive un Testamento: Cosa C’è Da Sapere

Molte persone si chiedono come si scrive un testamento. In realtà, la redazione di un testamento è più facile di quello che si potrebbe pensare. Tutto dipende anche dal tipo di testamento scegliere. Prima perciò di capire come si scrive un testamento, è bene aver ben chiaro che esistono diverse tipologie di atto testamentario da cui è possibile scegliere. Innanzitutto, vi è il testamento olografo. Poi, vi è il testamento che invece può essere fatto davanti al notaio che può essere sia pubblico che privato. Il testamento pubblico è quello che si fa alla presenza di testimoni mentre quello privato davanti al notaio, è quello che si fa senza testimoni. Vediamo quali sono le differenze tra queste tipologie di testamento e soprattutto come fare per farli in maniera ottimale.

Come Si Scrive Un Testamento, Le Differenti Tipologie

Prima di capire come si scrive un testamento, è opportuno fare una differenza tra le diverse tipologie così come già accennato. Vi è infatti, il testamento olografo appunto questo tipo di testamento può essere fatto senza la presenza del notaio. È un testamento molto diffuso soprattutto nel corso degli ultimi anni tra chi vuole fare un lascito solidale. Questo testamento, ha come scopo quello di chiarire le proprie volontà nero su bianco ma senza contenere e sostenere il costo di un notaio. Per scriverlo in maniera ottimale, bisogna seguire una specie di schema. Innanzitutto, è opportuno che questo tipo di testamento venga redatto di pugno dal testatore e non con l’aiuto di strumentazioni elettroniche o tecnologiche. In più all’interno del testamento di questo genere deve essere specificato il luogo e la data in cui si sta leggendo il documento. Questo è fondamentale perché dà l’opportunità di poter chiarire quello che è stato il momento di redazione. Inoltre, si deve anche specificare di essere nel pieno delle proprie facoltà mentali e si deve inserire tutta una serie di dati anagrafici per non avere dubbi in merito a chi potrebbe essere colui che sta scrivendo.

Come Si Scrive Un Testamento Pubblico O Privato

Chi invece si sta chiedendo come si scrive un testamento pubblico o privato, in realtà non deve crearsi troppi problemi in tal senso. Infatti, vi sono delle tipologie di testamento che vengono fatte davanti al notaio. Il testamento pubblico o privato si fa davanti al pubblico ufficiale che raccoglie le intenzioni e le indicazioni del testatore e le mette nero su bianco. La differenza sta nella presenza o meno di testimoni. Il testamento pubblico è quello che si fa alla presenza di due o più testimoni che saranno presenti al nel momento di redazione dell’atto. Invece, il testamento privato davanti al notaio si fa senza testimoni e quindi il testatore andrà dal notaio e chiarirà tutte le sue volontà. Nel momento della dipartita sarà il notaio o l’esecutore designato ad aprire le volontà testamentarie della persona interessata.

Come Fare A Capire Come Si Scrive Un Testamento E Qual È Quello Adatto

Una volta che si è capito come si scrive un testamento, bisogna fare la scelta di quello da seguire in virtù delle proprie esigenze. In realtà, sono tutti i giorni validi e quindi, non è una scelta che cambia da un punto di vista sostanziale qualcosa rispetto a un altro. E’ fondamentale piuttosto, che venga fatto l’idea di fare il testamento importante, perché così si avrà l’opportunità di chiarire per bene ai propri eredi quali sono le proprie volontà. Nella fase di redazione, il consiglio è sempre quello di prevedere anche un piccolo lascito solidale perché è non solo un forte segnale proprio per i propri eredi ma anche un forte gesto benefico.