Una riflessione sul COVID-19

Covid-19Nonostante il divieto imposto nel 2014 dal Presidente Obama, il COVID-19 fu sviluppato nel 2015, nel laboratorio della Georgetown University negli Stati Uniti. La ricerca, capeggiata allora da Anthony Fauci, consisteva nel prendere un virus disponibile, cambiandone poi la sua morfologia per poter incrementare le sue funzioni.  È come se qualcosa che era già pericoloso diventasse ancora più pericoloso e più resistente inserendo l’HIV.

In sostanza, Anthony Fauci, trasgredì la legge del governo usando i soldi dei contribuenti americani per continuare la ricerca, generando definitivamente Il COVID-19, alla Georgetown University, nel 2017.

Poi sempre nel 2017, Anthony Fauci, in una intervista disse che la presidenza Trump avrebbe affrontato pandemia.

Come lo sapeva?

Nonostante Anthony Fauci avesse fatto questa profezia, avesse infranto le leggi per finanziare una ricerca pagata dal popolo americano ed infine avesse trasferito tutto a Wuhan in Cina, incolpando poi la stessa Cina della pandemia da COVID-19, il sistema americano lo ha perdonato, sostenendolo ancora.

Perché? Che genere di affare si nasconde dietro questa supposta pandemia da COVID 19? C’entra pure Bill Gates in quest’affare? Perché c’è tanta disinformazione?

A fronte di tutto ciò, come si può non pensare che la pandemia sia solo un trucco, principalmente per vaccinare tutti, anzi, tutto il mondo, per attingere così a profitti ultra milionari?

C’è pure un’agenda per la depopolazione! Non è un caso quindi che Bill Gates, in un’intervista, abbia affermato di voler depopolare attraverso il vaccino.

Alcuni esperti di buon senso, asseriscono che la pandemia da COVID-19 sia solo un’illusione, dicono che si stia ignorando ogni aspetto della medicina e della Scienza.

Tutto ciò mi angoscia e mi addolora profondamente! Mi disturba il fatto che migliaia di dottori, nonostante sappiano che questa pandemia sia falsa, stiano zitti. Poi, rabbrividisco nel pensare che, per poter giustificare questa pandemia attraverso il numero dei decessi, l’OMS abbia emesso dei protocolli per costringere  il personale sanitario a modificare i certificati di morte, dando la colpa al COVID-19.

Adelio Vaquez