Roma. Scuola, Ugolini e Di Carlo (IV): “Servono controlli serrati contro il rischio cluster”

“Auspichiamo controlli serrati da parte del Municipio e dell’Asl, per evitare il rischio cluster e nel rispetto delle norme contrattuali, igienico-sanitarie e didattico-educative a cui la scuola parentale è soggetta. La notizia della redazione romana de La Repubblica dell’esistenza nel Municipio XII, all’interno del parco della Tenuta dei Massimi, di una scuola no-mask e no-vax, gestita da un’associazione nata da genitori contrari all’obbligo vaccinale, lascia stupiti e merita una particolare attenzione”. Lo dichiarano la delegata scuola di Italia Viva Arianna Ugolini e la coordinatrice IV del Municipio XII° Patrizia Di Carlo.
“La scuola parentale e l’homeschooling sono soggetti a controlli severi da parte della pubblica amministrazione, non solo per il rispetto delle norme igienico-sanitarie ma anche per la gestione del personale, degli spazi e del progetto educativo, pedagogico e didattico. Auspichiamo quindi dei controlli serrati da parte del Municipio XII e dell’Asl. Troviamo infatti sconcertante che in tempo di pandemia sia sfuggita all’amministrazione una scuola auto-organizzata sul territorio che lavora fuori da ogni protocollo sanitario”, concludono gli esponenti di Italia Viva.