Studio Legale di Andrea Mascetti: semplificazione amministrativa, le novità in Lombardia

Conferenza di servizi, interventi edilizi e procedimenti regionali: Nicolò Boscarini, avvocato dello Studio Legale di Andrea Mascetti, analizza le nuove misure di semplificazione nell’amministrazione regionale lombarda.

Andrea Mascetti

Legge Regionale 30 settembre 2020, n. 20: il contributo dello Studio Legale di Andrea Mascetti

Continua la serie di focus realizzati dallo Studio fondato da Andrea Mascetti sui cambiamenti avvenuti nell’ordinamento legislativo italiano con l’avvento della pandemia causata dal Coronavirus e delle relative misure prese da Governo e Regioni per combattere l’emergenza sanitaria. In un suo recente contributo, l’avvocato e collaboratore dello studio Nicolò Boscarini si sofferma sulle novità introdotte dalla legge 30 settembre 2020, n. 20 nella Regione Lombardia. Il testo prevede una serie di modifiche volte a semplificare i procedimenti amministrativi di competenza dell’Ente: l’obiettivo della legge è quello di sostenere la ripresa socio-economica di una delle regioni più colpite dal Covid-19, seguendo il quadro normativo del Decreto Semplificazioni deliberato la scorsa estate dal Governo e recentemente riconvertito in legge. Il lavoro dello Studio Legale di Andrea Mascetti si sofferma in particolare sulle modifiche che hanno riguardato la conferenza dei servizi, gli interventi edilizi e le iniziative dedicate all’economia del territorio.

Studio Legale di Andrea Mascetti: i dettagli della nuova legge regionale

Uno dei primi cambiamenti riguarda la conferenza dei servizi: l’art. 2 del provvedimento ha infatti generalizzato il ricorso in forma semplificata e in modalità asincrona (senza riunione), riducendo a 30 giorni (60 giorni in caso di tutela di interessi sensibili) il termine entro cui le amministrazioni coinvolte devono rendere le proprie determinazioni. La conferenza in forma simultanea e in modalità sincrona, si legge nel contributo dello Studio Legale di Andrea Mascetti, è possibile solo in specifici casi, come per i progetti sottoposti a valutazione d’impatto ambientale (VIA) di competenza non statale. Sugli interventi edilizi sono previste nuove disposizioni per le zone sismiche, come ad esempio la sostituzione dell’autorizzazione sismica con una dichiarazione del progettista abilitato che asseveri l’irrilevanza dell’intervento. Gli articoli dall’8 al 10 sono dedicati invece a economia circolare, controllo delle emissioni e alleggerimento degli oneri di pubblicazione gravanti su imprese e associazioni con specifico riferimento a sovvenzioni e contributi ricevuti dagli Enti pubblici lombardi. Sempre in tema di supporto all’economia, con l’art. 11 la Regione Lombardia istituirà un servizio di tutoraggio volto a facilitare i rapporti tra operatori economici e pubbliche amministrazioni nelle procedure di insediamento produttivo, di modifica o di ampliamento di attività imprenditoriali. Per i dettagli e le altre novità introdotte dalla legge regionale, il focus prodotto dallo Studio Legale di Andrea Mascetti è pubblicamente consultabile sul sito ufficiale.