Vini Vietti, storia e tradizione di vini di qualità

Carlo Vietti fondò la cantina alla fine del XIX secolo, ad oggi la famiglia di vignaioli è arrivata alla quarta generazione e si trova esattamente nel comune di Castiglione Falletto, al centro delle Langhe. Nei primi anni del 1900 il figlio di Carlo, Mario, iniziò a vendere vino Barolo che aveva iniziato a produrre da poco, concentrando così l’attività di famiglia esclusivamente sulla produzione di vino. Intorno agli anni ’60 invece la figlia Lucia affiancata dal marito Alfredo Currado hanno iniziato a portare avanti il lavoro della cantina Vietti, producendo vino di una qualità superiore, a dir poco elevata, permettendo così all’azienda di posizionarsi tra le migliori nella zona delle Langhe, inizialmente esportando i propri prodotti nei mercati più importanti stranieri come quello americano, tedesco e svizzero. Alfredo cominciò a vinificare separatamente ogni singolo vigneto essendo il primo in circolazione ad effettuare un’azione del genere, in quanto negli anni ’60 il Barolo era creato tramite lo sfruttamento di diverse vigne tutte insieme, a differenza dei normali vini pregiati che venivano creati esclusivamente da una tipologia di uva e basta. Oltre questo, Alfredo ebbe una visione futuristica: diede valore all’Arneis, un vitigno autoctono dimenticato da tutti i produttori locali; la cantina Vietti iniziò a vinificarlo in purezza trasformando l’Arneis nell’uva a bacca bianca da vino più importante del territorio piemontese. A partire dal 1970 i coniugi Alfredo e Luciana, che oltretutto sono grandi appassionati d’arte, tramite dei loro amici artisti iniziarono a creare vere e proprie etichette per le loro bottiglie degne di nota e infatti il nome dell’azienda iniziò letteralmente a spopolare sul mercato. A partire dal 2000 l’azienda, dopo il ritiro dei genitori dall’attività, è passata in mano a Mario Cordero e Luca Currado due soci che hanno acquisito l’intera proprietà aziendale mantenendo la produzione nel rispetto della tradizione passata della società, ma allo stesso tempo con una mente aperta e pronta ad evolversi ricercando la massima qualità e amabilità del vino. La ditta vanta di ben 35 ettari di vigne di proprietà, dalla quale vengono prodotti diverse varietà di vini Vietti, come:

Il Barbera: con il suo colore rosso rubino ed un aroma di vaniglia e ciliegie mature, fa parte della categoria TreVigne.

Il Dolcetto: con il suo colore rosso porpora dalle sfumature blu con aromi di lamponi e more, fa parte della categoria TreVigne.

L’Arneis: con il suo colore giallo paglierino e l’aroma di agrumi e melone con una nota mandorlata.

Il Moscato d’Asti Cascinetta: con il suo colore giallo paglierino luminoso è leggermente frizzante al palato, con un intenso aroma di pesche, ginger e petali di rosa.

La Crena nel Barbera d’Asti: con il suo colore rosso rubino aromatizzato con frutta matura e concentrata con note speziate, viene prodotto dall’azienda dal 1996.