Come puntare la parabola su hotbird e astra

Hai appena acquistato una bella Tv da 40 pollici, un decoder satellitare e la sua parabola ma non sai assolutamente giostrare la punta dell’antenna per poter vedere i canali Sky. Tra un movimento e l’altro, fermati un secondo e leggi questa guida, grazie alla quale potrai ristabilire una corretta connessione al segnale satellitare.

Se proprio non ti senti sicuro e vuoi avvalerti di un professionista, rivolgiti ad un servizio specializzato. antennistabolognaeprovincia.it è la scelta giusta se ti trovi nella provincia emiliana.

 

Puntare parabola su hotbird e astra: assemblaggio della nuova antenna parabolica

Dopo aver acquistato tutto il necessario, devi provvedere a montare la parabola. Se lo hai già fatto salta questo passaggio e passa all’altro paragrafo. Seguendo le istruzioni fornite nella scatola monta il supporto dual feed e posizionalo dove intendi metterlo, su un palo o direttamente sul muro tramite l’apposita staffa. Se osservi bene la parte frontale della parabola, troverai i cosiddetti LNB, due per l’esattezza, che consentono di trasmettere i canali. Per poter vedere Astra un LNB dovrà essere posizionato al centro mentre l’altro che consente la ricezione di Hotbird a destra.

 

Come eseguire il puntamento della parabola su hotbird e astra

Per puntare la parabola non occorre solamente girarla a destra o a sinistra ma è necessario l’uso dello smartphone. Ti starai sicuramente chiedendo il perché ed ecco la risposta. Il puntamento della parabola deve essere puntato verso i satelliti uniti al fuoco principale, ossia azimut 19,2° Est e 13° Est, e ruotato verso il cielo, movimento chiamato elevazione. Lo smartphone serve appunto per trovare questo dato, che a seconda della località in cui ti trovi e in base alla posizione del satellite può cambiare.

Misurazione e regolazione dei segnali

Per capire la qualità del segnale occorre valutarla collegando uno alla volta gli LNB ad un misuratore di campo, e una volta trovato il segnale dovrai semplicemente capire da quale satellite proviene e manovrare sull’azimut e sul LNB fino a quando il segnale non offrirà un alto livello di prestazione. Dopo aver fatto questa operazione anche sull’altro LNB non ti rimane altro che fissare tutto con bulloni e dadi.

 

Collegare e abilitare la porta DiSEqC

Dopo aver assicurato tutto con viti e bulloni devi collegare gli LND alle porte del dispositivo di rete DiSEqc, caratterizzato da due ingressi, il numero uno corrisponde a Hotbird, mentre l’ingresso due ad Astra.

Dopo aver abilitato questi ingressi e aver verificato attraverso un misuratore di campo il segnale d’uscita, non devi fare altro che collegare il cavo coassiale e iniziare con l’operazione di configuarazione e ricerca canali. Un ulteriore consiglio che posso darti è quello di posizionare il dispositivo DiSEqC in un luogo riparato per evitare danneggiamenti o guasti.

 

Configurazione Hotbird e Astra

Se quasi arrivato alla fine e l’ultimo passagio consiste nel configurare il decoder. Sul dispositivo dell’antenna ci sono delle impostazioni che dovrai settare. Per prima cosa abilita le voci “DiSEqC 1.0”, “Mini DiSEqC” poi seleziona il satellite Hotbird 13 e infine vai sulla voce “1” o “A” e verifica la qualità del segnale ricevuto tramite delle barrette presenti sulla schermata, più sono colorate più la ricezione è ottima. Devi fare la stessa cosa con il satellite Astra 19.2E selezionando però le porte “B” o “2”.

Bene, ora devi solo procedere con la sintonizzazione dei canali, e per farlo potrai scegliere tra due modalità: quella automatica che ti fa vedere i canali predefiniti presenti sul decoder oppure utilizzare la scansione che ti consente di averne di più e di memorizzarli. Se hai seguito i passaggi ora potrai goderti la Tv da 40 pollici.

 

Potrebbe interessarti anche questo articolo sull’amplificatore dell’antenna Tv!