Tutto Quello Che C’è Da Sapere Sul Linguaggio dei Ciechi

I sistemi di comunicazione utilizzati da i non vedenti dei sordociechi sono davvero numerosi. Grazie della validazione dello Stato e di alcune associazioni di beneficenza, è possibile fare in modo che queste persone possano apprenderlo senza alcun tipo di spesa. Il linguaggio dei ciechi è molto importante perché gli permette di comunicare e di vivere oltre le parole, ma relazionandosi con il mondo. Talvolta il sistema della comunicazione è l’unico modo per riuscire a interpretare il mondo nel miglior modo possibile. Ecco perché, sono sempre di più coloro che spingono e fanno anche donazioni a ONLUS affinché vi sia la possibilità di apprendere il linguaggio dei ciechi. Questo vale anche per chi ha menomazioni multisensoriali. In generale, il linguaggio esiste in varie tipologie e codici.

I Diversi Tipi Di Linguaggio Dei Ciechi

Vi sono diversi tipi di linguaggio dei siti da cui è possibile scegliere. In generale, quello più famoso è senza ombra di dubbio il linguaggio Braille. Il Braille è un metodo di scrittura addirittura utilizzato soprattutto dalle persone non vedenti. Nel corso degli anni è diventato sempre più diffuso ed è esiste in lingue differenti. Questo sistema è stato inventato da Luis Braille nella prima metà del XIX secolo. In pratica, è un sistema di scrittura che finisce che si realizza su una matrice più o meno grande, a seconda del sistema scelto. Ogni lettera è rappresentata da un puntino e attraverso questa metodologia si ha la possibilità di poter parlare in questo linguaggio universale. Ma vi sono anche altri codici di comunicazione utilizzati dai non vedenti. Un altro tipo di linguaggio dei ciechi è quello tadoma. Tale linguaggio permette di riconoscere i suoni vocali semplicemente appoggiando il palmo della mano sulle guance di chi parla e il pollice sulle labbra dell’interlocutore. In questo modo, da come cambia la posizione della bocca e anche dal suono emesso che si sente con il tatto, si ha la possibilità di capire quello che sta dicendo la persona che si ha davanti.

Il Linguaggio Dei Ciechi, Dattilologia E Stampatello Su Mano

Uno dei linguaggi dei ciechi maggiormente utilizzati è la dattilologia. La dattilologia è composto da movimenti effettuati con le dita delle mani in cui si rappresentano le singole lettere dell’alfabeto. È molto diffuso e funziona attraverso il tatto. Inoltre, vi è anche lo stampatello sulla mano. Questo linguaggio dei ciechi funziona in modo diretto e semplice. Con questo sistema di comunicazione si scrive sul palmo della mano del proprio interlocutore la lettera dell’alfabeto in modo tale da comporre frasi e concetti e comunicare con chi si ha di fronte. Anche in questo caso, si lavora con un modo di fare assolutamente legato al tatto. Vi è anche la Lis tattile che funziona praticamente lo stesso modo. La Lis tattile è il linguaggio italiano dei segni in formato tattile. In pratica, proprio come i segni utilizzati nella Lis classica funziona toccando il segno in modo da capire che cos’è.

Dov’è Possibile Apprendere Il Linguaggio Dei Ciechi

È possibile apprendere il linguaggio dei ciechi grazie a numerosi enti. Questo non vale solo per quelli istituzionali ma ci sono anche tantissime ONLUS e associazioni di categoria che permettono di garantire questo supporto e di farlo attraverso fondi di privati e varie donazioni. Si tratta di Onlus, associazioni di volontariato e di promozione sociale che si occupano della fase di apprendimento e del reinserimento di queste persone. In questo modo, sia si dà la possibilità a chi è non vedente oppure sordo cieco di comunicare con il mondo ed uscire dalla propria prigione fatta di silenzio e di buio.