Caldaie: Controllo Fumi e Normativa Vigente

Caldaie: Controllo Fumi e Normativa Vigente

Chi ha una caldaia nella propria abitazione sa che deve effettuare degli interventi necessari. Tra le azioni indispensabili per mantenere in buono stato la propria caldaia e farla durare più a lungo, oltre alla manutenzione annuale, bisogna controllare i suoi fumi.

Sicuramente ai che in casa la caldaia è un dispositivo molto utile ma occorre procedere alla sua revisione periodicamente affinché possa fornire le sue prestazioni in totale sicurezza.

Abbiamo chiesto l’aiuto del pronto intervento idraulico a Roma e in questa mini guida vedremo insieme cosa devi sapere per la buona manutenzione della tua caldaia.

caldaia controllo fumi

La manutenzione della caldaia e la normativa italiana

Le norme italiane prevedono che la caldaia debba essere sottoposta a manutenzione affinché possa offrire sicurezza all’abitazione dov’è installata.

Secondo il Decreto Ministeriale numero 74 del 2013, con cui sono stabilite e sono rese note le regole da applicare per il controllo periodico della caldaia, il dispositivo necessita di manutenzione ogni anno.

Il controllo annuale è necessario in modo che anche tutto l’impianto collegato alla caldaia funzioni in maniera efficiente, senza causare blocchi o presentare guasti improvvisi.

La legge italiana, inoltre, stabilisce che le date e gli interventi di manutenzione della caldaia debbano essere registrare in un apposito libretto, a suo corredo.

La manutenzione della caldaia deve essere effettuata da personale qualificato e munito di autorizzazione a rilasciare il certificato di avvenuto controllo annuale, con la tipologia di intervento effettuato.

Perché bisogna controllare i fumi della caldaia?

Controllare i fumi della caldaia presente nella propria abitazione consiste in una verifica obbligatoria per la valutazione sul buon funzionamento del dispositivo, su quanto sia efficiente e se sia fonte inquinante per l’ambiente.

Il tecnico che effettua il controllo dei fumi analizza il livello di emissione di anidride carbonica nell’aria e verifica altri valori di riferimento, constatando l’assenza di agenti inquinanti.

È importante chiedere l’intervento di personale qualificato per questa particolare tipologia di controllo della tua caldaia. Solo il tecnico è in grado di mettere in atto azioni preventive per far in modo che il tuo dispositivo possa funzionare in maniera ottimale e in sicurezza.

Non solo, il tecnico qualificato è l’unico che può rilasciare il bollino blu, necessario per attestare che la tua caldaia abbia superato il controllo annuale. È una certificazione importante: il bollino blu deve essere applicato all’interno del libretto di manutenzione della caldaia.

La sicurezza della caldaia

Se procedi con il controllo dei fumi e con la manutenzione annuale della propria caldaia, sai che metti in atto un’operazione importante per la sicurezza della tua abitazione e per l’ambiente.

Una caldaia che ha una buona manutenzione raramente va incontro a guasti o malfunzionamenti.

Non solo. La caldaia che è a posto con il controllo dei fumi, non rilascia nell’ambiente sostanze dannose, sia per l’uomo che per la natura. Si tratta di un’azione vantaggiosa per la salute e per il benessere di tutti.

Altri buoni vantaggi dati dalla manutenzione della caldaia e dal controllo dei fumi sono il risparmio energetico ed economico. Il buon funzionamento del dispositivo fa in modo che la caldaia non consumi più del dovuto, ma lavori con efficienza. Il risparmio per le tue tasche è quindi assicurato.

Ricorda che è essenziale che la manutenzione della caldaia e il controllo dei fumi avvenga periodicamente, almeno una volta all’anno e che sia eseguito da personale qualificato.