Quotazione del grano in ripresa dopo aver toccato il minimo di un mese

All’Euronext la quotazione del grano risale la corrente, dopo aver toccato il minimo in oltre un mese. Anche sulla piazza di Chicago i prezzi si sono stabilizzati, dopo essere scivolate sui minimi di tre settimane.

L’andamento della quotazione del grano

commodities-agricole-3La materia prima agricola ha subito le prospettive di raccolta in Europa, che sono migliorate dopo le recenti piogge (maggiore output significa maggiore concorrenza sul prezzo). Altre piogge previste in Francia e Germania durante la settimana, potrebbero alleviare ulteriormente la siccità. Va però evidenziato che alcuni danni alla resa sono considerati irrecuperabili. A peggiorare il quadro ci sono state le previsioni del governo degli Stati Uniti, riguardo al livello record delle scorte mondiali, nonché l’avanzamento del raccolto degli Stati Uniti.

I prezzi risalgono

Tutto questo aveva spinto le quotazione del grano fino a 182,00 euro, livello più debole dal 4 maggio. Sul mercato dei CFD trading (significato), questo lunedì invece i prezzi si stanno risollevando, infatti alla Borsa di Parigi sono salite a 182,75 euro ($ 206,51) alla tonnellata. Inoltre l’Indice nazionale dei prezzi Usa del grano duro invernale, conferma per la terza settimana consecutiva la fase di ripresa, attestandosi a 4273 punti, guadagnandone 75 sul 3 giugno. Nel complesso da inizio anno il deficit di prezzo rimane alto, ma da fine maggio continuano a giungere segnali di schiarita.

Suggerimento operativo: ci sono diverse tecniche di trading forex intraday per operare sul mercato delle valute. E’ importante studiarne il più possibile.

Previsioni sul raccolto e le esportazioni

Le società di consulenza SovEcon e IKAR hanno aumentato le loro previsioni per il raccolto di grano russo di quest’anno, mentre in Francia i dati dell’agenzia agricola FranceAgriMer hanno mostrato che le valutazioni del grano sono rimaste stabili per la seconda settimana di fila. Nel frattempo ripartono anche le esportazioni. La domanda per la stagione 2020/21 che inizia a luglio è stata leggera, ma l’attività di caricamento è rimasta stabile in Francia e Germania per la fine della stagione 2019/20.