Rifiuti: un cenno alla normativa

Quello di una corretta gestione dei rifiuti è un argomento che interessa tutti i cittadini, ma siamo sicuri di conoscere bene la normativa che ne regola raccolta e smaltimento?

 

Rifiuti: la normativa del 2006

La normativa a oggi in vigore risale al 2006. Gli articoli 179 e 182 stabiliscono alcune importanti definizioni e linee guida in materia di produzione, raccolta e smaltimento dei rifiuti. Ad essere privilegiata è la riduzione in termini di produzione di rifiuti, alla quale seguono le attività di recupero e, solo in ultima istanza, quelle di smaltimento.

 

Rifiuti: le classificazioni

Prima tra tutti, la normativa del 2006 sancisce la distinzione, secondo la loro origine, tra:

  • rifiuti urbani
  • rifiuti speciali

Non solo, perché un’altra distinzione importante da tenere a mente quando si parla di rifiuti è la distinzione tra:

  • pericolosi
  • non pericolosi

Ogni rifiuto viene identificato in maniera univoca grazie a un codice di 6 cifre.
Ogni codice è contenuto all’interno di un gruppo specifico (ne esistono 20 in totale).
A differenziare i gruppi di rifiuti, per esempio, la pericolosità, definita tale fin dall’origine del prodotto, oppure definita in base alla concentrazione di sostanze pericolose.

 

Trasporto rifiuti

Non tutti i rifiuti possono poi essere smaltiti dalle comuni discariche.
Lo smaltimento di alcuni di questi deve infatti essere gestito da operatori qualificati e da aziende specializzate nel trasporto rifiuti.
Fertrans è un’azienda italiana specializzata nel trasporto rifiuti a Piacenza.
In particolare, l’azienda porta a termine servizi di trasporti transfrontalieri di rifiuti di tutti i codici CER pericolosi, non pericolosi e in ADR, con specializzazione per: rifiuti solidi, fusi e scarti animali.