Assolto il “re” di Fashion Yachts

Può finalmente tirare un sospiro di sollievo Fabrizio Politi. La sua infatti è una delle vicende imprenditoriali in cui suspense, colpi di scena e gossip vanno a nozze. Conosciuto ai più, specie ai paparazzi, come “il nuovo Briatore” del settore nautico e per la sua vita mondana, negli ultimi anni il suo nome è balzato agli occhi figurando tra i fondatori della piattaforma social e-commerce SixthContinent.

fabrizio politi assolto

Fabrizio Politi


L’ascesa di quest’imprenditore, affermatosi dapprima nel mondo dell’informatica e poi in quello navale con la Fashion Yachts, subisce un brusco arresto nel 2014. Proprio mentre solca le creste del mercato del lusso internazionale viene infatti coinvolto in un processo penale nato da un’inchiesta della Direzione distrettuale antimafia di Milano su presunti appartenenti alla ’ndrangheta operanti in Brianza. L’accusa è quella di concorso esterno in riciclaggio. Ed è talmente pesante da costringerlo agli arresti domiciliari per quattro giorni.
La risposta a un processo durato sei anni arriva nella sentenza pubblicata il 28 gennaio 2020: Fabrizio Politi viene assolto con formula piena dal Tribunale di Monza. Il fatto non sussiste e per la condanna di primo grado a tre mesi per violenza privata ci sarà un ricorso in secondo grado. Il fatto risale a una lite con un ex socio avvenuta nel 2013 ed è così lieve da non meritare la menzione nel casellario giudiziario.
fabrizio politi assolto
fabrizio politi assolto

SixthContinent


Il giogo mediatico si allontana così da un Fabrizio Politi praticamente incensurato. “Sono certo – scriveva in una nota pubblicata poi su «Il Tirreno» nel 2014 ? che sarà fatta luce su tutti gli aspetti di questa inchiesta, anche se ci vorrà tempo, sofferenza e sacrificio”. Sono passati 2500 giorni da allora. A 48 anni, l’imprenditore milanese può finalmente tornare alle sue idee “mondocentriche”. L’ultima delle quali riguarda gli sviluppi di SixthContinent. Questo luogo digitale, il sesto continente per l’appunto, accoglie milioni di consumatori e migliaia di brand da tutto il mondo promettendo di aumentare la capacità di acquisto dei clienti in maniera sostenibile nel tempo mediante l’utilizzo della piattaforma. E per farlo vuole modificare la catena del valore dei consumi in base a un progetto basato sul profit sharing.
Quello che fin da subito Fabrizio Politi ha definito come un errore giudiziario per poi trasformarsi in un incubo è arrivato alla fine. Ora, come sempre, è questione di tempo per recuperare la rispettabilità occultata… Ma l’imprenditore non è rimasto con le mani in mano e adesso punta a diffondere la società a livello internazionale.