Take realizza la creatività per 32.BI-MU

Take, agenzia di Next Group, ha sviluppato la creatività dell’edizione numero 32 di BI-MU, la biennale italiana dedicata a macchine utensili ad asportazione e deformazione, robot, automazione, digital manufacturing, tecnologie ausiliarie e tecnologie abilitanti, che si svolgerà dal 14 al 17 ottobre 2020 a Fieramilano di Rho.

Per 32.BI-MU Take ha ideato e progettato il materiale promozionale e seguito le diverse fasi della creatività. Particolare attenzione è stata dedicata a valorizzare le peculiarità della 32esima edizione riassunte nel claimTecnologie digitali per produzioni sostenibili”.

Dopo oltre 60 anni di evoluzione espositiva, sviluppata di pari passo con la trasformazione tecnologica del settore, BI-MU è infatti oggi sempre più punto d’incontro tra sistemi di produzione e mondo digitale, che sfocia in una produzione caratterizzata dalla sostenibilità.

La gestione dei dati e l’interconnessione delle macchine sono fattori determinanti per la gestione sostenibile dei cicli produttivi della fabbrica, che si traduce in maggior redditività, utilizzo intelligente delle risorse e potenziamento dei sistemi di sicurezza, secondo l’approccio dell’economia circolare.

Oltre alla tradizionale offerta in mostra, 32.BI-MU presenta diverse aree di innovazione dedicate a comparti specifici, a nuove tecnologie per digitalizzare e connettere gli impianti, quali FABBRICAFUTURA, Robot Planet, Box Consulting, BI-MU Startupper, BI-MU Additive, Focus Meccatronica, Il Mondo dei trattamenti e delle finiture. Tra le novità di questa edizione, ci sono le nuove aree BI-MU Logistics, Sub4Tech e Fluid Power & Transmission.

Inoltre, con BI-MUpiù e BI-MUpiùAdditive, la manifestazione abbina alla parte espositiva quella dei convegni e degli eventi collaterali, con la possibilità offerta agli espositori di diventare protagonisti per presentare le proprie novità su un palco allestito all’interno dei padiglioni della mostra. La grande novità del 2020 sarà BI-MUpiùDigital, spazio dimostrativo che metterà in mostra le potenzialità della fabbrica digitale mettendo in connessione alcuni macchinari presenti in fiera.

organizzata da EFIM-ENTE FIERE ITALIANE MACCHINE e promossa da Ucimu-Sistemi per Produrre, l’associazione dei costruttori italiani di macchine utensili, robot e automazione, BI-MU è una delle più qualificate manifestazioni internazionali di un settore che nel mondo vale circa 70 miliardi di euro e in cui l’Italia eccelle: occupa infatti la terza posizione nella graduatoria internazionale degli esportatori e la quarta tra i produttori.

Nel 2018, l’evento ha registrato la partecipazione di 1.056 aziende (di cui il 40% estere) su una superficie espositiva di 100.000 metri quadri (+10% rispetto all’edizione precedente) per 65.000 visite.