Colonnine di ricarica, cosa sono e come funzionano?

Gli alti livelli di inquinamento hanno portato alla realizzazione di normative sempre più stringenti per limitare il problema e spinto i vari costruttori a investire in numerose risorse per lo sviluppo di motori elettrici, l’obiettivo è quello di investire totalmente in questo settore ed eliminare totalmente le auto con propulsione tradizionale.

Ogni giorno si vedono sempre più auto elettriche sulle strade, motivo per il quale si notano anche più colonnine di ricarica, non tutti sanno come funzionano, per cui abbiamo deciso di fare un po’ di chiarezza sul loro utilizzo.

La colonnina di ricarica è un distributore di energia elettrica tramite la quale si può ricaricare la batteria del proprio veicolo elettrico, può avere varie forme, a palo, a parete o portatili, inoltre, alcune aziende stanno sviluppando un sistema wireless che permetterà di posizionare la vettura su una piattaforma per effettuare la ricarica.

Il processo di ricarica di un’auto elettrica avviene tramite un caricatore che controlla tutto il processo di ricarica, in caso di danneggiamento della batteria, si ferma.

È importante e fondamentale sapere se la propria vettura è compatibile con la colonnina di ricarica che si intende usare, altrimenti non sarà possibile collegarla per ricevere energia.

Tipologie di colonnine di ricarica

Le colonnine di ricarica si dividono in due categorie, quelle che appartengono al settore privato e quelle del pubblico; per prime sono stazioni di ricarica allacciate alla rete locale, sono pronte all’uso, possono essere installate nelle abitazioni, nei posteggi di centri commerciali, negozi, hotel, ristoranti e nei parcheggi aziendali.

Quelle ad uso pubblico sono installate da fornitori di energia e gestori di rete e si possono trovare in strade pubbliche, parcheggi pubblici presso aeroporti o stazioni ferroviarie, in modo da permettere al proprietario di avere il proprio veicolo carico dopo essere rientrato da un viaggio.

Dove trovare le stazioni di ricarica per le auto elettriche

Quando si è in possesso di un’auto elettrica e bisogna programmare un viaggio il primo pensiero è quello di non trovare abbastanza colonnine di ricarica lungo il tragitto.

Fortunatamente è possibile conoscere in anticipo la posizione di queste colonnine cercando su internet o sfruttando una delle tante applicazioni create ad hoc per i dispositivi mobili.

Con questi strumenti si possono trovare le colonnine cercando per provincia e città, anche in base alla propria localizzazione geografica in tempo reale.

Se si viaggia in autostrada

Le auto elettriche hanno come punto debole quello dell’autonomia, se da una parte i costruttori stanno cercando di aumentare la durata delle batterie e implementare il chilometraggio, dall’altra c’è ancora un po’ di tempo da aspettare.

Se si viaggia in autostrada si potrebbe avere qualche problema, in quanto sono ancora poche le colonnine di ricarica auto elettriche presenti sulla rete autostrade, anche se entro il 2020 si prevede di raggiungere le 12 mila installazioni.

Intanto, il suggerimento è quello di partire sempre con la batteria completamente carica in modo da avere la piena autonomia e riuscire a calcolare adeguatamente le soste alle colonnine di ricarica durante il tragitto in modo da non rischiare di restare fermi da qualche parte.