Curcuma: proprietà ed effetti sulla salute

La curcuma è una spezia e consiste in una polvere gialla ottenuta dall’essiccazione e macinazione di alcune piante appartenenti alla famiglia delle Zingiberaceae, la stessa dello zenzero, e la specie più conosciuta e di maggior interesse fitoterapico è la Curcuma Longa. Il rizoma non viene consumato come tale ma sbollentato, essiccato e macinato in polvere. Il componente chimico più importante e studiato della curcuma è la curcumina, dal sapore piccante e terroso con odore simile alla senape.
Viene utilizzata da millenni nella medicina orientale, ed è entrata da tempo a far parte anche delle nostre abitudini alimentari, nonché come ingrediente principale del curry indiano.
I prodotti fitoterapici spesso abbinano la curcumina alla piperina, una molecola contenuta nel pepe in grado di aumentarne la biodisponibilità fino a 20 volte.

Benefici e proprietà della curcuma

La curcuma è un ottimo antinfiammatorio e antiossidante naturale. La curcuma contribuisce a combattere i radicali liberi prodotti dal normale metabolismo cellulare o per esposizione a fattori inquinanti, radiazioni o attività sportiva. Il suo olio essenziale conferisce alla curcuma proprietà coleriche-colagoghe e per questa ragione è spesso impiegata come detossinante e per la sua azione depurativa sul fegato. Oggetti di numerosi studi sono inoltre le sue proprietà digestive, antitumorali e cicatrizzanti. La curcuma può essere a tutti gli effetti considerata un alleato della salute.

Assunzione raccomandata

La quantità di curcuma consigliata per ottenere effetti apprezzabili sull’organismo è di circa 2 g di rizoma essiccato al giorno mentre è sconsigliata l’assunzione sotto forma di tisana per la ridotta biodisponibilità. Sconsigliato l’utilizzo di curcuma in presenza di calcoli biliari. Nell’uso in cucina meglio evitare di cuocerla troppo, la cottura, infatti, oltre a contribuire alla dispersione dei principi nutritivi ne altera anche le qualità organolettiche.

Per sapere se la curcuma può avere effetti positivi su sintomi e patologie rivolgetevi a un esperto della nutrizione, come il Dott. Lorenzo Pradelli, dietista a Verona