A Safety Expo 2019 i dati Inail sugli incidenti sul lavoro

“Da gennaio a luglio 2019 le denunce con esito mortale per incidenti sul lavoro sono state 599, con una crescita del 2,04% rispetto all’anno scorso. E nel 2018 abbiamo registrato ben 252 incidenti mortali per incidenti stradali in occasione di lavoro (+5,44%) e 309 in itinere con mezzi di trasporto (+20,23%)”. È questo l’allarme lanciato oggi da Ester Rotoli, direttore generale Prevenzione di Inail, in occasione della prima giornata di Safety Expo 2019, l’evento sulla prevenzione incendi, la salute e sicurezza sul lavoro, che proseguirà fino a domani a Bergamo Fiera.

“Per affrontare il problema investiamo molto in formazione, con progetti di cui verifichiamo l’efficacia. – ha spiegato Ester Rotoli – In quest’ottica, ci auguriamo che i finanziamenti del bando Isi-Inail ottengano i risultati sperati. Un altro aspetto importante è l’informazione, vogliamo fornire strumenti alle imprese per fare una corretta valutazione dei rischi”.

Cesare Damiano, presidente della Commissione Lavoro della Camera dei Deputati, ha sottolineato che nel 2019 sono aumentate le ore di Cassa Integrazione, ma anche gli incidenti sul lavoro. “Il dato è contrastante e fa riflettere, negli ultimi anni la sensazione è che la guardia sia stata abbassata – ha detto Damiano – Qualche consiglio al nuovo Governo? Eliminare il massimo ribasso negli appalti e recuperare la patente a punti nell’edilizia. È inoltre indispensabile far rispettare le regole perché un paese senza regole è un paese sconfitto”.

In occasione della tavola rotonda sulla Safety 4.0, organizzata dalla rivista “Ambiente & Sicurezza sul Lavoro”, si è discusso delle trasformazioni organizzative dei contesti lavorativi e del mercato del lavoro che hanno caratterizzato gli ultimi anni. Questi grandi cambiamenti hanno comportato il lancio di nuove sfide per la tutela dei lavoratori, che sollecitano risposte puntuali e moderne in grado di stare al passo con la nuova Safety 4.0.

Durante il convegno “Il Codice e i procedimenti di prevenzione incendi”, organizzato dalla rivista “Antincendio” in collaborazione con il Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco, si è parlato di come il Codice di Prevenzione Incendi sia diventato lo strumento di riferimento per i progettisti. L’incontro ha sviluppato tematiche quali il Dpr 151/2011, il suo bilancio a otto anni dall’emanazione, i sopralluoghi durante l’attività di controllo dei Vigili del fuoco e le responsabilità nell’applicazione del Codice.

In particolare, Michele Mazzaro, dirigente dell’Ufficio Prevenzione Incendi e Rischio Industriale del Comando Nazionale dei Vigili del Fuoco, ha spiegato che l’emanazione del DM del 12/4/2019 ha comportato l’abolizione del doppio binario con un ampliamento del campo di applicazione.

“Il regolamento ha scardinato la rigidità della tradizione e ha introdotto un approccio più flessibile – ha detto Mazzaro – Si tratta comunque di un primo passaggio di un processo più ampio. Il progetto richiederà un’importante attività formativa sia interna sia esterna”.

Oggi a Safety Expo 2019 si sono svolti numerosi altri eventi. Nell’area di sicurezza sul lavoro si è tenuto il convegno organizzato dagli Ordini e Collegi professionali della Provincia di Bergamo “Il know how dei professionisti della sicurezza”. È stata un’occasione per presentare alcuni strumenti, predisposti nell’ambito di commissioni e tavoli tecnici a cui prendono parte le professioni tecniche, da condividere tra le diverse figure professionali della sicurezza.

Altri tre convegni sono stati molto seguiti: uno organizzato da Aifos, dedicato ai requisiti relativi all’attività professionale del Manager Hse; il secondo organizzato da 3M sulla Norma Uni 11719:2018 sulla protezione delle vie respiratorie applicata alle attività in ambiente confinato (con un’analisi delle responsabilità di un infortunio realmente accaduto); il terzo sul tema “L’ergonomia dell’organizzazione” organizzato da Sie, Società Italiana di Ergonomia.

Il programma è stato completato dai seminari organizzati da Inail sui temi della salute nei luoghi di lavoro e dai corsi di formazione organizzati da Informa e Aifos.

Molto successo, con anche momenti di emozione in sala, hanno ottenuto gli incontri di sicurezza in scena: da “Amianto, una storia operaia”, in cui si è data voce attraverso parole, suoni e immagini al bellissimo libro di Alberto Prunetti, al “Live Painting”, dove la sicurezza è stata espressa anche tramite la pittura

Nell’area della prevenzione incendi si sono svolti, molto seguiti, un convegno organizzato dalla rivista Antincendio in collaborazione con i Vigili del fuoco sulle nuove regole tecniche di prevenzione incendi (delle quali si occupano i diversi Gruppi di lavoro), e i seminari di aggiornamento organizzati da aziende e associazioni, dedicati a soluzioni innovative e case history di successo.

Il programma di Safety Expo 2019 è consultabile all’indirizzo www.safetyexpo.it.