Compressori ad aria compressa: come funzionano e come mantenerli

Non si tratta certo di un argomento per pochi eletti, visto che i compressori ad uso domestico sono sempre più diffusi anche tra i privati per attività di fai da te.

E molto spesso non possiamo rivolgerci a un esperto che ci corra in aiuto.

Come riuscire allora a far funzionare in maniera corretta il nostro compressore e come riuscire a mantenerlo attivo nel tempo?

 

Il funzionamento

I modelli più diffusi in commercio sono quelli volumetrici alternativi il cui funzionamento può essere paragonato a quello di un motore a scoppio. Il pistone di cui dispone il compressore si trova nell’olio e grazie al suo movimento muove l’aria che poi viene compressa nel serbatoio. Sulla testa del cilindro si trovano invece due fori adibiti al reperimento e alla pressione dell’aria.

 

Il mantenimento

Non stiamo parlando di strumenti che necessitano di una grande manutenzione, ma certo tenere pulito il compressore può aiutare a conservarlo al meglio e diminuire gli eventuali danni.

Come per ogni motore a scoppio, l’olio svolge un ruolo primario nel funzionamento dello strumento. Al termine di ogni lavoro si dovrebbe procedere con una pulizia accurata e con l’eliminazione dell’olio in eccesso per evitare che i residui possano compromettere l’uso del compressore.

Come per tutti i macchinari provvisti di filtro, anche per i compressori è utile provvedere a un ricambio frequente per evitare che i depositi lo ostruiscano . In questo caso si può procedere o con la sostituzione del pezzo oppure con la sua aspirazione. Nel caso in cui il filtro sia fatto di lana è invece opportuno lavarlo sotto acqua corrente.

Se siete alla ricerca di compressori di qualità vi consiglio Cenci Aria Compressa, azienda della provincia di Piacenza e rivenditore ufficiale Atlas Copco.