La poesia che scava nel cuore di Alessandro Sammarini

È uscita di recente e sta conquistando un meritato successo la raccolta poetica del riminese Alessandro Sammarini un moderno poeta dei giorni nostri, dotato di una pulsante e vibrante fantasia ispiratrice. Il nuovo libro dal titolo “Le facce del dado” può essere acquistato contattando direttamente l’autore alla mail asammarini@libero.it oppure anche ordinandolo su Amazon. Questo libro segna un fondamentale tassello del suo percorso creativo e merita di essere letto e “gustato” con pienezza di trasporto. Alessandro nel comporre i suoi aulici versi si affida e si confida al tempo stesso, abbracciando simbolicamente tutti i lettori. Per lui la poesia è come l’aria che respira, che lo anima e lo tiene in vita. Nei pensieri e nelle riflessioni lascia trapelare la profondità di una visione esistenziale di uomo-artista del nostro presente che si esprime con sottile acume e grande spessore umano. Così ha scritto la professoressa Rina Gambini nella presentazione introduttiva alle poesie, cogliendone appieno l’intima essenza sostanziale che le ha generate nel moto dell’anima di Alessandro: “È necessaria una particolare attitudine poetica, unita ad un eccellente sensibilità artistica e ad una capacità introspettiva non usuale, per conciliare il dettato lirico con riflessioni che definirei filosofiche per la loro portata universale. È ciò che distingue la poesia di Alessandro Sammarini dalla tanta lirica intimistica, o amorosa, o semplicemente di sfogo, che prevale ai giorni nostri“. E ha sottolineato continuando: “Già dal titolo di questa raccolta si intuisce lo scopo dell’autore: andare a scandagliare tutti gli aspetti di una questione, sociale o personale che sia, per arrivare a quella -faccia del dado- che resta nascosta, sulla quale il dado stesso appoggia senza mostrarla. Una faccia importante, dunque, da indagare con attenzione, ma anche mutevole, perché ad ogni lancio cambia e crea nuove prospettive di riflessione“. Alessandro ci insegna a meditare seguendo un tracciato virtuale, fatto di melodie e sonorità di permeante lirismo che ognuno può fare sue con il proprio modus pensandi, diffondendo una personale proiezione. Si erge a fautore di una poesia testimonianza di un percorso di crescita, che ciascuno deve trovare liberamente per poter davvero imparare a volare e librarsi senza freni e inibizioni.