Come funzionano i bagni chimici

Un bagno chimico è fondamentale in quei luoghi in cui non è possibile usufruire di un bagno classico con allaccio tradizionale, si tratta di una soluzione ideale che permette di avere a disposizione i servizi igienici, anche in grande quantità a seconda del tipo di evento che si deve organizzare.

Un bagno chimico è composto da due parti, la superiore e la inferiore, la prima è composta dal sedile per sedersi e contiene le acque bianche per risciacquare il gabinetto; nella parte inferiore sono allocatele acque nere e le scorie che si sciolgono con i prodotti chimici che vengono inseriti nell’apposito contenitore.

Si tratta di prodotti che rendono liquido il materiale organico in modo da rimuovere facilmente le acque nere. Le due parti si collegano e scollegano con facilità, il bagno chimico diventa un contenitore unico portatile che vuoto pesa 4 kg.

Mediamente le dimensioni di un bagno chimico sono 35x40x45 cm e contengono un volume di acqua che va da 10 a 20 litri; quando pieno, pesa circa 35 kg, alcuni modelli sono dotati di ruote per trasportarlo da una parte all’altra senza sforzo.

Il bagno chimico è progettato in modo da occupare poco spazio all’interno di una barca, un camper, una tenda o in quei luoghi in cui c’è bisogno di avere un gabinetto.

Come funziona il bagno chimico

La prima cosa da fare è riempire il serbatoio del gabinetto dividendo con la leva la parte superiore da quella inferiore, quindi le acque chiare da quelle nere.

All’interno del wc chimico si inserisce un liquido speciale per bagni chimici che va diluito in circa 2 litri d’acqua; dopo aver riempito la parte delle acque bianche, bisogna montare il serbatoio superiore con quello inferiore di scarico. Riempire il serbatoio di risciacquo con 15-20 litri d’acqua e aggiungere altro liquido sanitario per gabinetti chimici.

La parte posteriore ha uno stantuffo che va aperto e chiuso per scaricare l’acqua in eccesso e fare lo sciacquo del gabinetto con la pompa. Aprendo la guarnizione, le acque chiare sporche finiscono del serbatoio di quelle nere fino a che questo non si riempire.

A quel punto, sul wc chimico dovrebbe esserci una spia luminosa che indica che è arrivato il momento di provvedere allo svuotamento delle acque nere, basta staccare i due serbatoi, portare quello di scarico in un punto autorizzato e svuotare.

Noleggiare bagni chimici

Ora che hai capito cos’è un bagno chimico, potresti averne bisogno in caso tu stia organizzato qualche evento a cui parteciperanno molte persone, in questo caso il noleggio di bagni chimici è la soluzione giusta.

Dovrai affidarsi a una ditta specializzata in noleggio dei wc chimici, che provvederà a farti avere il numero preciso di bagni chimici che ti occorre nel luogo preciso, solitamente il servizio prevede montaggio, manutenzione, pulizia e ritiro.

Se, invece, devi installare un bagno chimico nel tuo giardino come soluzione permanente prova a valutare la possibilità di acquistare il wc chimico in modo da ammortizzare i costi che avresti col noleggio.