Droga: decidere in maniera consapevole

I Volontari della Toscana della campagna sociale La Verità sulla Droga, intensificano la loro attività di informazione sui pericoli delle droghe.

Saranno presenti in molte delle manifestazioni popolari che ogni estate rallegrano le meravigliose cittadine toscane.

Informare la popolazione, su quelli che sono i pericoli derivanti dall’uso/abuso di sostanze tossiche come le droghe, fa la differenza per una scelta di vita consapevole o, sarebbe più logico dire scelta di morte.

Sapere in che modo un corpo, una mente può venire alterata in peggio ovviamente, dall’uso di veleni, porta a riflettere e decidere di conseguenza in piena libertà e con la consapevolezza dei rischi che si corrono.

Spesso, specialmente nel caso di giovani adolescenti, il malessere che si cerca di eliminare con la droga, potrebbe essere risolto con altri sistemi, ad esempio con una comunicazione efficace che apre a soluzioni diverse, che mette il giovane in condizione di scoprire la vita e i suoi aspetti e guardarli con occhi diversi, che offre ai giovani soluzioni di vita inserendoli e non allontanandoli dalla società come avviene con l’uso di droga. La droga è diventata parte della nostra cultura attuale, permeandone quasi ogni aspetto, ma la società di fatto allontana poi chi si droga; diventa quindi un controsenso: ci si droga per essere inseriti nella moderna società ma si viene poi allontanati dalla stessa società o per volere proprio, quando la droga ha finito per distruggere la creatività, la fama, le relazioni umane, la famiglia, gli amici, il fisico, la mente in altre parole: la vita

La droga isola e spegne le sensazioni desiderate con quelle indesiderate. Così mentre sembra aiutare, perchè fornisce un breve periodo di sollievo dal dolore qualunque esso sia, elimina l’abilità e la prontezza e rende confuso il pensiero.

“I dati falsi possono far commettere errori stupidi. Possono perfino impedire di assimilare i dati autentici . E’ possibile risolvere i problemi dell’esistenza solo quando si posseggono dati autentici”. L. Ron Hubbard