Le 5 regole per scegliere un divano di qualità

scegliere un divano di qualità

Qualunque sia di tuo interesse, divano 3 posti, divano con penisola, divano angolare , è un investimento importante. Per ottenere il miglior risultato per l’acquisto, segui questi cinque passaggi.

1. Tessuti durevoli

Le fodere per divani di uso quotidiano devono essere resistenti.  Il Cotone può risultare il vincitore (ma fai attenzione alle trame larghe – possono impigliarsi). Ottimi anche alcuni tessuti in poliestere (anche più del cotone), che possono  imitare la maggior parte dei tessuti e sono resistente alle macchie. Cotone e lino possono essere trattati per resistere alle macchie, ma anche in questo caso non sono facili da pulire e sono anche poco resistenti. Tessuti misti di fibre naturali e sintetiche tendono al pilling entro poco tempo. La vera pelle è belle ma costosa. La seta è elegante ma fragile. I tessuti con motivi intrecciati (jacquard) tendono a vestire molto meglio di quelli con motivi stampati.

Suggerimento: chiedere al negoziante un pezzo di tessuto più largo del solito campioncino. Mettilo dove andrà il divano. Guardalo alla luce naturale e artificiale e vedi quanto ti piace  ripeti questo consiglio ancora dopo qualche giorno.

2. Telaio resistente

Una struttura robusta significa un divano a lunga durata. Il legno tenero, come il pino, è a basso costo, ma può deformarsi o oscillare dopo pochi anni. Il legno più costoso (rovere essiccato in forno, frassino o faggio, ad esempio) è più resistente. Evitare telai fatti con truciolato, plastica e anche il metallo; possono deformarsi e rompersi. Le gambe dovrebbero essere parte del telaio ed essere tenute con viti o tasselli (pioli) – non solo con colla.

Suggerimento: per verificare la forza del telaio, sollevare nell’angolo una gamba anteriore del divano dal pavimento. Quando la hai sollevato di qualche centimetro, anche l’altra gamba posteriore  dovrebbe essere sollevata . Se tocca ancora il pavimento, il telaio è debole

3. Chiedi informazioni sulla Falegnameria

Un telaio con giunti collegati da uno dei seguenti pezzi è stato costruito solidamente: tasselli di legno, doppi perni di legno, blocchi d’angolo in legno (l’etichetta potrebbe leggere blocchi d’angolo incollati e avvitati), o viti e staffe metalliche. Graffette o chiodi possono essere usati per rinforzare ulteriormente, ma non comprare mai un divano che sia tenuto insieme solo da graffette, chiodi o colla.

Suggerimento: chiedi al tuo venditore informazioni scritte sul produttore relative alla falegnameria.

4. Testare il Molleggio

Tutti i divani di qualità hanno le molle  pre-assemblate a filo serpeggiante. Sono di supporto, ma possono premere sul telaio o abbassarsi nel tempo se il metallo non è pesante. I divani di fascia alta vengono spesso realizzati con “molle a otto giri legate a mano”. Sono comodi ma costosi; alcuni esperti dicono che non sono migliori di quelle serpeggianti . Senti le molle attraverso la tappezzeria – dovrebbero essere vicine e ferme. I divani senza molle ma solo con cinghie o rete, sono più scomodi e fragili.

Suggerimento: sedersi saldamente su un angolo o sul bordo esterno di un divano che si sta prendendo in considerazione. Se senti degli scricchiolii questo suggerisce  che le molle non sono posizionate correttamente o colpiscono il telaio.

5. Valuta la sensazione dell’ imbottitura

La schiuma di poliuretano espanso è un riempimento per cuscini, di basso costo e di facile manutenzione. Ma il tipo più durevole è il poliuretano espanso indeformabile ad alta densità può sembrare anche duro ma ha il miglior rapporto qualità prezzo . I Poliuretani  più morbidi sono a bassa densità e  si deteriora più rapidamente con un uso costante. La spugna indeformabile ad alta densità è leggermente più costosa ma più confortevole. Le imbottiture in  piume d’oca o d’anatra sono comodi, ma possono facilmente ammaccarsi. Il top del top è la  piuma d’oca mescolato a ovatta acrilica immesse in fodere di contenimento realizzata a scompartimento ma  quest’ultima  è enormemente  costoso (circa il il triplo del prezzo della schiuma) .