Pound britannico, lieve ripresa prima del voto sull’accordo Brexit

Domani sarà il primo appuntamento cruciale per il Regno Unito e per il pound britannico. Al Parlamento infatti si terrà un voto vincolante riguardo l’accordo stretto a novembre tra la premier Theresa May e la Ue.

Gli scenari possibili con il voto

sterlina mercatiA rendere noto che l’appuntamento ci sarà domani è stato il portavoce del primo ministro, dopo i rumor stampa che parlavano di un declassamento del voto. Quello che succederà domani sarà fondamentale per il destino dei rapporti tra Regno Unito e UE. Se la mozione della May fosse sconfitta al voto di domani, a quel punto il 13 marzo si voterà fra un’uscita con o senza accordo. Infine, in caso di preferenza a un’uscita con accordo, il 14 marzo si voterà a favore o contro il rinvio dell’uscita oltre la scadenza attuale (29 marzo 2019).

Il destino della Brexit è molto incerto, e con esso quello del pound. L’ipotesi più concreta è che ci sarà un rinvio, ma non è da escludere un compromesso dell’ultimo minuto. Meno concrete le ipotesi di una “no deal” Brexit e mano ancora di un nuovo referendum o di elezioni anticipate. La Premier britannica sta cercando di risolvere il nodo del “backstop” sul confine irlandese, quello che ha provocato l’ultimo stallo. Per questo motivo stasera dovrebbe volare a Bruxelles, dove è in corso l’assemblea plenaria dell’Europarlamento. Questo blitz viene descritto dai media inglesi come «il tentativo disperato» di evitare «una nuova umiliazione».

Consiglio: studiate bene i segnali che ci mandano le singole candele. Ad esempio è importante conoscere le candele doji trading forex.

I riflessi sul pound britannico

Sui mercati valutari, il pound sta risentendo degli umori altalenanti sulla questione. Dopo aver vissuto giorni di marcata debolezza, oggi il pound è in leggera risalita e si va formando un triangolo di inversione trading. I mercati infatti ritengono improbabile che si arrivi a un voto favorevole domani, mentre ritengono concreta la possibilità che si arriverà a un rinvio di Brexit. Questa ipotesi di “ritardo” viene considerata positiva per la sterlina, giacché riflette la riduzione del rischio di una hard Brexit. Ad ogni modo, il destino della Brexit potrebbe giocarsi, sostanzialmente, nell’arco di 72 ore. E anche quello del pound.