Come scegliere il fotografo di matrimonio

Scegliere il fotografo di matrimonio è uno dei passaggi fondamentali durante l’organizzazione delle nozze. Nelle sue mani ricade la responsabilità di consegnarci la testimonianza eterna del giorno più bello della nostra vita: l’album fotografico di matrimonio. Questo album dovrà contenere le foto dei momenti più significativi dell’intera giornata e questi scatti dovranno essere belli ed in grado di rinnovare le emozioni provate ogni qual volta lo si sfogli.

come scegliere fotografo matrimonio

Come scegliere il fotografo del matrimonio?

Il Fotografo di Matrimonio

Il fotografo di matrimonio è colui che cattura con la sua macchina fotografica i momenti più emozionanti e li trasforma in ricordi attraverso le immagini. La scelta del fotografo giusto, dipende da diversi fattori che possiamo riassumere in:

  • Lo stile del fotografo
  • Il budget a disposizione degli sposi
  • L’empatia tra fotografo e sposi

Lo Stile del Fotografo di Matrimonio

La prima cosa da valutare quando si cerca un fotografo di matrimonio è il suo stile fotografico.  Per stile fotografico intendiamo il suo modo di fotografare i matrimoni. Quando, durante la ricerca, troviamo un fotografo che ci mostra delle immagini che provocano in noi il classico effetto “WOW”, abbiamo già individuato lo stile con cui ci piacerebbe fossero realizzare le foto delle nostre nozze.

Se non conosci gli stili fotografici di matrimonio, sappi che fondamentalmente nel mondo del wedding ce ne sono due principali: la fotografia classica ed il fotoreportage di matrimonio. Quest’ultimo attraverso le immagini, racconta il matrimonio, cercando di catturare le emozioni senza costringere gli sposi a mettersi continuamente in posa. In sostanza, cattura il momento così com’è realmente ed in questa maniera riesce anche a catturare tutte le emozioni provate, congelandole all’interno delle sue foto. Il risultato è un album di nozze in grado di emozionare e commuovere di nuovo, ogni volta che lo si guarda.

Il concetto di fotoreportage di matrimonio è spiegato benissimo sul sito di questo fotografo matrimonio di Roma. Se avete bisogno di capire meglio cosa significa chiamare un fotoreporter di matrimonio professionista per le vostre nozze, leggetelo e poi tornate qui per proseguire la lettura.

Il Budget destinato al Fotografo

La scelta del fotografo di matrimonio si fa anche tenendo conto del budget che si ha a disposizione. Una parte dell’intero budget ovviamente dovrà essere dedicato al servizio fotografico, il quale dovrà trovare spazio tra le altre spese come i vestiti, la location, il pranzo, gli addobbi floreali, il bouquet da sposa, eccetera.

Di  norma, alla spesa per il fotografo di matrimonio, viene assegnato circa il 10% del budget totale. Una scelta che, qualsiasi sia questo budget, permette di fare le cose al meglio rispetto alle proprie possibilità.

Ovviamente se scegliete l’amico bravo con la macchina fotografica, spenderete poco o nulla. Ma tenete sempre in mente che il giorno più bello della vostra vita potrebbe essere fotografato in maniera dilettantistica in questo caso. Siete disposti a correre questo rischio?

L’empatia tra fotografo e sposi

Il rapporto che si crea tra fotografo e sposi non viene quasi mai preso in considerazione durante la scelta del fotografo di matrimonio. Ed invece è un passaggio fondamentale. Rivolgersi ad un professionista che capisca cosa volete, qual’è lo stile con cui vi piacerebbe fossero realizzate le vostre foto, che capisca la vostra eventuale timidezza davanti all’obiettivo e che sappia farvela superare, che riesca a conquistare la vostra fiducia e che sappia entrare in simbiosi con gli sposi, fa si che si possano realizzare foto bellissime ed emozionanti. L’empatia tra fotografo e sposi, per tutti questi motivi, deve assolutamente scattare.

Riassumendo…

La scelta del fotografo di matrimonio si effettua tenendo conto dello stile fotografico che più ci piace, del budget a disposizione e deve essere in linea con le proprie possibilità ed infine è importante parlare prima con il fotografo per renderci conto se è la persona che fa per noi.