Piegatura lamiere industriali: focus su matrice e punzone

Per deformare una lamiera è necessario che la pressa piegatrice applichi una pressione tale da superare il limite di snervamento del materiale. Nel mercato troviamo diverse tipologie di presse piegatrici, in grado di essere utilizzate tanti tipi di applicazioni e settori diversi.

Gli elementi di lavorazione lamiera, nel caso della piegatura, sono due:

  • la matrice, fissato sulla parte fissa.
  • il punzone, fissato invece nella parte mobile della pressa

Questi due elementi sono complementari e possono avere forma, sagoma, spessore e raggio di curvature molto diverse tra loro per adattarsi alle varie esigenze.

 

Matrice

La matrice è composta di acciaio resistente all’usura, al fine di garantire un elevato numero di lavorazioni. La sua funzione è quella di contenere la deformazione della lamiera dopo la pressione applicata dal punzone, ottenendo le forme desiderate. Le matrici possono avere forme molto differenti, in maniera tale da poter garantire vari tipi di piegatura.

Punzone

Il punzone è invece posizionato nella parte mobile della pressa. Essendo complementare alla matrice anch’esso può ovviamente cambiare di forma, spessore e raggio di piegatura. Il punzone va a pressare la lamiera e ne determina la piegatura, che segue la morfologia della matrice e trasmette così la forma desiderata all’oggetto lavorato.