Dollaro, prosegue il tentativo di recupero contro l’euro

Sulla scia di quanto accaduto nella prima settimana di agosto, il dollaro sta provano un cauto recupero sui mercati finanziari. La valuta statunitense sta sfruttando la scia dei dati macro positivi riguardanti il mercato del lavoro. Venerdì socrso infatti è stato reso noto un risultato migliore delle attese sulle payrolls di luglio. Il report riguardante le buste paga e quello sulla disoccupazione hanno messo in evidenza un quadro del mercato lavorativo migliore del previsto.

La ripresa del dollaro

dollaroTanto è bastato per mettere fine ad una forte tendenza ribassista del biglietto verde contro l’euro e far cambiare rotta al SuperTrend (qui si può approfondire l’argomento supertrend, strategie come usare indicatore). Nella scorsa ottava la valuta statunitense aveva raggiunto il minimo relativo a 92,548 punti, un valore che ci riportava inidetro addirittura al 3 maggio 2016.

Nel frattempo anche il Dollar Index, che monitora l’andamento della divisa Usa sulle principali controparti internazionali, si sta muovendo nuovamente al rialzo. Adesso questo indice di forza del biglietto verde viaggia a ridosso di area 93,50. Situazione buona per sferuttare la strategia fractal indicatore, sia pure con le dovute cautele.

Euro e market mover

E l’Europa? Dopo i dati macro della settimana scorsa, questa si è aperta con il deludente report sull’indice Sentix, che misura il sentiment di 2.800 investitori ed analisti su come si sta muovendo l’economia di Eurolandia. Nel corso del mese corrente il Sentix si è attestato a 27,7 punti, in calo rispetto al valore precedente (28,3) e anche rispetto alle attese degli analisti (27,8 punti).

Nel corso di questa settimana non sono previsti grossi appuntamenti macro, d’altronde Ferragosto si avvicina per tutti… Negli Stati Uniti il calendario è ridotto e l’unico potenziale market mover sarà rappresentato dal CPI di luglio. Ecco perché potremmo assistere ad un mercato che viaggia sulle ali del vento, ma senza grossi scossoni.