Viaggio alla scoperta della Sardegna

Il patromonio storico e artistico della Sardegna è così ricco e vasto che permette a un turista curioso e attento di scoprire paesaggi unici, angoli nascosti e itinerari fuori dai circuiti di massa e dalle zone più frequentate e richieste. Questa regiorne è , infatti, una delle più ricche e varie anche se, troppo spesso, ci si ferma a una conoscenza superficiale, che non si smuove dalla classica vacanza di mare, tra sole, spiagge e divertimento.
Proprio per questo si propone un itinerario ipotetico, alla scoperta dei castelli sardi, ruderi di intichi manieri, fortezze e roccaforti bizantine, che restano come testimonianza degli antichi confini tra gli statuti.

La maggior parte delle fortificazioni, di cui si conservano ruderi e siti archeologici, sono state erette tra il VI e il XII secolo.
Partendo dal Sud della Sardegna, da visitare sono le opere di fortificazione di Cagliari, che è una città dove ci si può fermare anche per un paio di giorni e da lì si prosegue verso il castello di Sanluri, che è sede del Museo del Risorgimento e della Collezione delle ceroplastiche.

Se si ha un mezzo proprio, perché magari si è sbarcati a Cagliari con il traghetto per la Sardegna e si è quindi autonomi nei movimenti, si può proseguire verso Boca, a poco più di un’ora e mezza di distanza, dove sorge il Castello dei Malaspina. E’ stato costruito nel 1112, nei secoli ha subito molte modifiche e tutt’oggi è interessante da visitare.
Il Castello di Burgos è, invece, a una sessantina di chilometri nell’entroterra, di questa antica fortezza restano solo parti della cinta muraria e della torre maestra, ma il paesaggio e l’insieme sono molto suggestivi.

Proseguendo verso nord si incontra il borgo di Castelsardo, in cui domina in Castello dei Doria, datato XII secolo, costruito su una collina a picco sul mare.
Infine meritano una visita le rovine del Castello della Fava, costruito dai giudici della Gallura, anch’esse posizionate su una collina, circondate da un paesaggio molto emozionante.
Per muoversi e visitare i diversi castelli è importante avere a disposizione un mezzo con cui si riesce a essere autonomi, per questo, per chi arriva dal continente, l’ideale è prendere il traghetto, su cui è possibile imbarcare la propria vettura. In questo modo, una volta a destinazione ci si può muovere comodamente, scoprendo le bellezze di una terra varia e misteriosa. L’unica cosa importante è prenotare i biglietti con il giusto anticipo.