Raggiungere la Sardegna via mare

Se hai deciso di trascorrere le tue vacanze in Sardegna e non ci sei mai stato, potresti essere un po’ confuso nella scelta del traghetto e nella valutazione di tutte le offerte e i prezzi proposti. Spesso ci si trova a chiedere in base a cosa variano i prezzi di un traghetto come quelli che puoi vedere su www.traghettisardegna2017.it?
Sono in particolare tre i fattori che possono far cambiare di molto la fascia di prezzo:
-la sistemazione scelta a bordo
-la stagionalità
-il giorno della settimana in cui si effettua l’acquisto
il mezzo da imbarcare
E’ semplice capire che un passaggio ponte costa molto meno di una cabina e che ovviamente offre anche molte meno comodità. E’ più utile sapere che è importante muoversi con un certo anticipo ad acquistare i biglietti per l’estate, per poter usufruire di sconti e per essere sicuri di trovare i posti che si desiderano: l’ideale è prenotare in marzo aprile, periodo in cui, indicativamente, le compagnie aprono le vendite.
Se si è scelto il viaggio in traghetto per poter portare in Sardegna la propria auto o la propria moto, ovviamente bisogna calcolare il costo dell’imbarco, che può variare a seconda del tipo di veicolo.
Di solito vengono applicate due tariffe per le auto: una base per le auto lunghe fino a 4 metri e una per quelle più lunghe, mentre il prezzo delle moto viene calcolato sulla cilindrata, mentre il costo di biciclette o altri piccoli mezzi di trasporto varia a seconda delle compagnie.
Chi decide di viaggiare con il camper può usufruire della possibilità di soggiornare all’interno del proprio mezzo per l’intera durata della traversata e, in questo modo, risparmia sulla sistemazione a bordo.
Il viaggio ha una durata varia a seconda del porto di partenza a quello di arrivo: si va dalle 5 ore della tratta Civitavecchia – Olbia, alle 15 della tratta Genova – Arbatax. La durata può essere influenzata anche dalle condizioni meteo.
Una altra considerazione da fare quando si prenota il traghetto è che conviene sbarcare nel porto sardo più vicino alla zona in cui si trascorreranno le vacanze. In Sardegna non ci sono autostrade e quindi gli spostamenti per lunghi tratti possono essere faticosi. Per chi arriva dal nord Italia i porti più comodi sono Olbia e Porto Torres, mentre l’arrivo a Cagliari è più gettonato da chi arriva da Napoli, Palermo e Civitavecchia. Chi sbarca a Cagliari, mediamente, affronta un viaggio più lungo (dalle 10 alle 13 ore), ma ha il vantaggio di arrivare nel centro turistico del capoluogo e a poca distanza dalla faosa Villasimius.