Plotter: le tipologie e la carta da utilizzare | JOY Free Press

Plotter: le tipologie e la carta da utilizzare

Il plotter è uno strumento che non può mancare in qualsiasi ufficio: se i primi modelli erano infatti una prerogativa di progettisti, ingegneri e geometri, i plotter che si possono trovare oggi in commercio sono in grado anche di stampare a colori e in alta definizione e quindi vengono utilizzati moltissimo nel campo della pubblicità e della grafica. A seconda dell’utilizzo che viene fatto di queste macchine e della loro tipologia, però, bisogna acquistare tipi diversi di carta da plotter: vediamo quale scegliere per ottenere un risultato di stampa ottimale a seconda dello strumento che si utilizza.

Tipologie di plotter

Come abbiamo detto, con il plotter si possono ottenere prodotti anche molto differenti: esistono infatti diverse tipologie di strumenti, che differiscono proprio in base all’utilizzo che se ne fa. Esistono i plotter semplici indicati per il disegno geometrico, quelli in grado di stampare fotografie e grafiche in alta definizione a colori, ma esistono anche i plotter che incidono la carta e quindi applicano dei tagli di precisione. Per questa tipologia di plotter va bene qualsiasi tipo di carta.

Plotter a penna

I plotter a penna sono quelli più semplici, impiegati soprattutto dai progettisti per il disegno tecnico su grande scala. Il sistema è basato su un braccio mobile che sposta una penna, in modo da imprimere il disegno sul foglio. Per questa tipologia di plotter va bene qualsiasi tipo di carta.

Plotter a getto d’inchiostro

I plotter a getto d’inchiostro permettono di stampare fotografie a colori o immagini grafiche in alta qualità: sono utilizzati moltissimo in ambito pubblicitario per produrre manifesti e prodotti simili poiché possono stampare anche in grande formato. Per questa tipologia di plotter va bene qualsiasi tipo di carta, ma per una resa impeccabile conviene scegliere carta di alta qualità o fotografica.

Plotter da taglio

Il plotter da taglio permette di ritagliare qualsiasi forma impostata e creare quindi sagome sul foglio: il meccanismo di funzionamento è quello del plotter a penna, solo che al posto di quest’ultima c’è una lama. La carta più indicata per il plotter da taglio è quella vinilica adesiva, ma vanno bene anche altri supporti.

Plotter completi

I modelli più recenti e utilizzati al giorno d’oggi sono completi: permettono di avere le funzioni di stampa e di taglio insieme, e sono particolarmente impiegati in ambito pubblicitario.

Condividi