Isolamenti termici per tetti e sottotetti, scoprine i vantaggi!

Scopri come isolare il tetto di casa

Sei alla ricerca di una soluzione definitiva per isolare la tua casa dal freddo invernale e dal caldo afoso estivo? Sei stanco di dover ricorrere necessariamente agli impianti di riscaldamento e di raffrescamento, utili, certo, a garantire il comfort termoigrometrico della tua casa,

isolamento-termico_isolare-srl_vicenza

isolamenti termici per tetti

ma in maniera temporanea e molto costosa? Allora continua a leggere i seguenti consigli per capire come coibentare il tetto della tua casa e in che modo ridurre le spese per la realizzazione di isolamenti termici per tetti di qualità.

Cosa s’intende per “isolare”?

Innanzitutto, proviamo a capire cosa significano le parole “isolare”, “coibentare” utilizzate nella premessa. Isolare, o coibentare, il tetto è un’operazione che mira a ridurre la dispersione di calore, garantendo un adeguato comfort termico all’interno dell’ambiente abitabile. La coibentazione permette, dunque, di raggiungere un equilibrio termico all’interno della casa, riducendo la dispersione di calore dall’interno verso l’esterno in inverno e quella dall’esterno verso l’interno in estate, assicurando un ambiente più caldo in inverno e più fresco in estate.

Come isolare il tetto?

L’isolamento del tetto può essere eseguito sulle falde del tetto, all’estradosso del tetto, se piano, oppure nel sottotetto. In quest’ultimo caso è doveroso riconoscere l’importanza di avere oggi un sottotetto non abitato, che, con dovuti accorgimenti, può dare un’ottima risposta alle esigenze di isolamento termico della casa in maniera semplice ed economica.

Di seguito, si farà una breve descrizione delle modalità di realizzazione dell’isolamento termico nei tre casi elencati. L’isolamento del tetto a falda può essere posto direttamente sotto le tegole ed ancorato alla struttura in modo meccanico nel caso di forte pendenza del tetto. Se si lascia un’intercapedine di aria fra le tegole e lo strato coibente, si parla di copertura ventilata, soluzione molto performante da punto di vista della resistenza alla formazione di condensa e muffa, in caso contrario, si sta effettuando una copertura non ventilata. L’isolamento esterno del tetto piano viene fatto attraverso l’inserimento del materiale isolante al di sopra o al di sotto dello strato impermeabilizzante, in base alle esigenze di tipo tecnico e climatico dell’edificio. L’isolamento del sottotetto si effettua attraverso l’applicazione di materiale isolante all’estradosso dell’ultimo solaio di calpestio, soluzione molto vantaggiosa perché permette di contrastare la dispersione del calore geometricamente, considerando la distanza rispetto all’involucro, e grazie alla camera d’aria che si interpone fra lo strato isolante e il tetto stesso.

La qualità del materiale isolante è fondamentale per un buon risultato della coibentazione: si prediligono materiali naturali che resistono alle dilatazioni termiche e che siano a conducibilità bassa e costante.

Come ricevere agevolazioni fiscali?

La coibentazione del tetto è benefica dal punto di vista energetico e ambientale, si tratta di un’operazione che permette di ridurre l’utilizzo di energie non rinnovabili e, quindi, viene incentivata da importanti agevolazioni fiscali che vanno anche a detrarre fino al 65% dei costi sostenuti, sia per l’esecuzione della lavorazione sia per la demolizione e ricostruzione della copertura. Maggiore è l’importanza che viene data alla sostenibilità ambientale nel progetto di riqualificazione energetica, maggiori saranno le detrazioni che si potranno ottenere. L’IVA è, inoltre, ridotta ulteriormente, in quanto tale intervento viene inserito nella categoria di interventi di recupero energetico degli immobili. E’ necessario, però, ricordare che tali agevolazioni saranno possibili solo se ci si rivolge ad una ditta specializzata nel settore e certificata, in grado di garantire una documentazione fiscale adeguata agli interventi che si eseguono e di cui si vogliono detrarre le spese.