Il consumo di pesce nella nostra nazione

L’Italia , pur essendo circondata su tre lati dal mare, ha un consumo di pesce e frutti di mare piuttosto modesto , cosa che molti non sanno proprio perché ritengono invece che gli italiani siano degli habituè delle pescherie e dei ristoranti, come attraverso i coupon Ancona. Le motivazioni di questo scarso consumo sono diverse e il più delle volte pretestuose innanzi tutto c’è l’errata convinzione che pesce e frutti di mare siano meno gustosi e nutrienti della carne, mentre i coupon Ancona dimostrerebbero il contrario. Poi la difficoltà che spesso si ha nel riconoscere i vari tipi e specie e soprattutto capire se il pesce è fresco o meno. C’è anche la pigrizia o la totale incapacità di pulire pesce o crostacei, di aprire le ostriche, di squamare o sfilettare o addirittura di non sopportare lo stridio dell’astice gettato vivo nell’acqua bollente. Non ultima, la diffusa opinione che il pesce in genere sia un alimento molto caro, il che a volte dipende da dove si va ad acquistarlo se proprio non si vuole approfittare delle offerte dei coupon Ancona. Quanto al prezzo di pesce e crostacei, se è fuor di dubbio che vi sono specie piuttosto costose è comunque vero che ve ne sono moltissime più economiche e forse ancora più gustose quali alici e sardine, sgombri e muggini, anguille e altri tipi appartenenti alla grande famiglia del “pesce azzurro”. Per sapere riconoscere pesci, crostacei e molluschi, valutarne qualità e freschezza, imparare le fondamentali operazioni di “pulizia” e imparare trucchi per preparare piatti prelibati, oggi è sufficiente acquistare un buon libro specifico di cucina o, meglio ancora, cercare su internet tutto quello che ci serve al proposito. Ci sarebbe un’ultima ( e forse migliore ) alternativa : quella di rivolgersi alle proprie esperte mamme, nonne o zie….facendosi confidare i trucchi e i segreti per preparare gustose ricette di pesce, da loro create ed elaborate in anni ed anni passati tra i fornelli in cucina.